Home Calabria Ex presidente consiglio regionale: “Io innocente, contro di me stillicidio mediatico”

Ex presidente consiglio regionale: “Io innocente, contro di me stillicidio mediatico”

Domenico Tallini (FI) assolto nel processo "Farmabusiness". Imputato di concorso esterno in associazione mafiosa e scambio elettorale politico mafioso, era stata chiesta la condanna a 7 anni e 8 mesi

157
0
L'ex presidente del consiglio regionale Domenico Tallini

(ANSA) – CATANZARO – “Solo la consapevolezza interiore di essere innocente mi dà la forza di affrontare il continuo stillicidio mediatico a cui incredibilmente sono sottoposto dal 19 novembre 2020. Nonostante tutto, credo nella Magistratura e in Magistrati che ancora fanno del loro lavoro una missione di vita al servizio dello Stato”.

Lo afferma, in una nota, l’ex presidente del Consiglio regionale della Calabria ed ex assessore regionale, Domenico Tallini, di Forza Italia, per il quale, nel processo d’appello a Catanzaro, denominato “Farmabusiness”, in cui è imputato di concorso esterno in associazione mafiosa e scambio elettorale politico mafioso, è stata chiesta la condanna a 7 anni e 8 mesi di reclusione.

Tallini, in primo grado, è stato assolto “perché il fatto non sussiste“.

“Non sarei onesto con la mia coscienza – aggiunge Tallini – se non ammettessi che durante la mia purtroppo lunga esperienza con la Giustizia mi sono imbattuto in tanti Giudici che sono stati costretti a comportarsi da veri eroi semplicemente per cercare di non venire meno al loro dovere di Magistrati giusti. Ho fin troppo chiaro questo concetto nell’affrontare il dibattimento nel processo d’appello dopo la sentenza di assoluzione ‘per non aver commesso il fatto’, fiero di aver servito le Istituzioni a vari livelli e di non aver mai tradito il mandato dei tantissimi elettori che nella mia lunga esperienza politica mi hanno dato la forza per superare ostacoli che sembravano insormontabili.

Nonostante oggi sia diventata una ‘fogna’, riverente e ossequiosa verso altre istituzioni, la politica continua a vivere dentro di me pura come quando avevo 16 anni, senza resa alcuna. Tanto dovevo alla mia famiglia, ai tantissimi amici di militanza politica che non ci sono più e ai pochi amici veri che ancora continuano ad avere stima e fiducia immutata nella mia persona”.

“Infine – dice ancora l’ex presidente del Consiglio regionale della Calabria – non posso dimenticare di ringraziare i miei avvocati, Vincenzo Ioppoli e Carlo Petitto, che in maniera convinta, oltre che professionale, hanno contribuito a fare trionfare in ogni circostanza, Riesame, Cassazione e primo grado di giudizio, la mia totale e piena estraneità ai fatti“. (ANSA).

Articolo PrecedenteRiscoprire il patrimonio perduto, iniziativa Reggio Calabria
Prossimo ArticoloCamion bruciato, Sindaco condanna intimidazione a una Ditta