Home Calabria Molestie sessuali al liceo “Valentini-Majorana”, docente rinviato a giudizio

Molestie sessuali al liceo “Valentini-Majorana”, docente rinviato a giudizio

Finisce sotto processo anche l'ex dirigente scolastica Jolanda Maletta, alla quale è stato contestato il reato di omissioni d'atti d'ufficio

100
0
Il Tribunale di Cosenza

COSENZA – Due rinvii a giudizio, a vario titolo, per la vicenda delle molestie a studentesse liceali.

Sono stati infatti rinviati a giudizio il docente Angelo Giuseppe Bastone, accusato dalla Procura della Repubblica di Cosenza di aver molestato sessualmente alcune studentesse del liceo “Valentini-Majorana” di Castrolibero e l’ex dirigente scolastica Jolanda Maletta, alla quale è stato contestato il reato di omissioni d’atti d’ufficio.

Lo ha deciso stamani il gup di Cosenza Manuela Gallo. Il processo avrà inizio il prossimo 11 gennaio 2024.

La vicenda risale al febbraio dello scorso anno – i fatti sarebbero accaduti in un periodo precedente – ed è nata dalla denuncia di alcune studentesse che hanno riferito agli investigatori di avere subito molestie sessuali da parte del docente mentre erano a scuola. Dopo le denunce, la comunità studentesca si era mobilitata occupando la scuola per alcune settimane.

Le ipotesi di reato a carico del docente sono violenza sessuale, tentata violenza sessuale, molestie sessuali e tentata estorsione.

Nei confronti dell’ex dirigente scolastica, oggi in pensione, l’accusa è di omissione di atti d’ufficio poiché, in qualità di pubblico ufficiale e pur essendone a conoscenza, avrebbe omesso di denunciare i fatti.

Le indagini erano state avviate dai carabinieri della Compagnia di Cosenza dopo le denunce presentate dalle studentesse che sarebbero state molestate dal professore. In particolare, le ragazze che avrebbero subito le molestie sono quattro, tutte minorenni all’epoca dei fatti.

Articolo PrecedenteAssociazione finanziata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri per una pista di atletica sotto sequestro (FOTO)
Prossimo ArticoloMorto il calabrese più longevo: aveva 111 anni ed era il secondo uomo più anziano d’Italia