Cariati

CARIATI (Cs) – «Accoglienza ed inclusione, ospitalità ed assistenza alla terza età e disabilità. Relativamente alle procedure di autorizzazione, accreditamento e vigilanza delle strutture a ciclo residenziale e semiresidenziale socioassistenziali, l’Ambito Territoriale Sociale (Cariati capofila, Bocchigliero, Campana, Mandatoriccio, Pietrapaola, Scala Coeli e Terravecchia) ha superato la prova con 8 strutture: 2 centri per minori stranieri non accompagnati, una casa famiglia per disabili mentali, un centro diurno per minori e 4 comunità alloggio per anziani».

È quanto fa sapere la responsabile dell’Ufficio di Piano, Francesca Forciniti informando che gli adempimenti imposti dalla Riforma del Welfare, con scadenza al 31 dicembre, sono stati seguiti da una commissione formata anche da un tecnico, da un assistente sociale e da due figure amministrative.

Distribuiti nel territorio dell’Ats (Cariati capofila, Bocchigliero, Campana, Mandatoriccio, Pietrapaola, Scala Coeli e Terravecchia) nello specifico le strutture autorizzate al funzionamento sono: la Casa Famiglia Disabili Mentali Sant’Antonio, gestita dalla Società Social S.R.L. con disponibilità per 12 utenti; il Centro per minori stranieri non accompagnati denominato Casa Don Alessandro – Progetto SAREPTÀ gestito dalla Società Cooperativa Sociale Missione Famiglia Onlus (Mi.Fa) che interessa 30 utenti; la Comunità Alloggio per Anziani Nonna Ada, gestita dalla Società Santa Rita S.R.L.S. con la possibilità di ospitare 24 persone; la comunità alloggio per 15 minori stranieri non accompagnati, gestita dalla Società Cooperativa Sociale ‘San Francesco; la Comunità alloggio per Anziani Madonna delle Grazie, gestita dalla Civitas Solis Società Cooperativa Sociale Onlus, per l’ospitalità e l’assistenza di 20 utenti; il Centro Diurno San Giovanni Bosco gestito dall’omonima Associazione dove trovano ospitalità 10 utenti;  la Comunità Alloggio San Cataldo gestita dalla San Leonardo Cooperativa Sociale (11 posti) e la comunità Alloggio per Anziani Santa Maria delle Grazie gestita dalla Cooperativa San Francesco di Paola con disponibilità per 15 ospiti.

Articolo PrecedenteA Carnevale, dopo 40 anni, torna la Quadriglia tradizionale
Prossimo ArticoloIn Calabria un itinerario per il Giubileo 2025: progetto della diocesi Locri-Gerace