PAOLA (Cs) – I Padri Minimi del Santuario di Paola sono intervenuti per via dei rifiuti abbandonati da ignoti. sporcaccioni davanti la Casa Natale del Santo.

«Come esiste una cura del creato attraverso una corretta salvaguardia delle bellezze naturali e paesaggistiche che ci circondano, così è nostro dovere attuare una sana ecologia che possa mirare a custodire, valorizzare e salvaguardare i nostri luoghi più belli e importanti che la storia ci ha consegnato».

E, ancora: «Papa Francesco ci ricorda nell’Enciclica Laudato sii (n. 143) che “Insieme al patrimonio naturale, vi è un patrimonio storico, artistico e culturale, ugualmente minacciato. È parte dell’identità comune di un luogo e base per costruire una città abitabile. Bisogna integrare la storia, la cultura e l’architettura di un determinato luogo, salvaguardandone l’identità originale. Perciò l’ecologia richiede anche la cura delle ricchezze culturali dell’umanità nel loro significato più ampio». (Laudato sii, 143)”».

Infine: «Andare a depositare i propri rifiuti dinanzi la Casa natale di San Francesco ci pare sia proprio in contrasto con una corretta valorizzazione dei luoghi del nostro Santo e con i luoghi deputati all’accoglienza di tanti pellegrini che giungono in Città da tutto il mondo! Grazie a coloro che invece di distruggere costruiscono, nel silenzio e con buona volontà». 

 

Articolo PrecedenteGiacco (Pd): «Questa amministrazione è ormai giunta al tramonto»
Prossimo Articolo“Autonomia differenziata, un’opportunità per il Sud”, dibattito con Fratelli d’Italia