Una manifestazione Coldiretti

ROMA – Si è svolta a Roma la premiazione della quarta edizione “Piccolo Comune Amico” organizzata dal Codacons e Coldiretti che valorizza le eccellenze dei Comuni italiani con meno di 5.000 abitanti.

Diversi i partners, patrocinata dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy, dal Ministero dell’agricoltura, sovranità alimentare e delle foreste e da quello della Cultura. Premi quindi ai piccoli comuni con meno di 5mila abitanti che, nell’ultimo anno, si sono impegnati per valorizzare il territorio e i prodotti locali, incentivando il turismo.

Ottimo il risultato per la nostra regione che su 21 comuni italiani premiati si è distinta con quattro comuni e un’azienda agricola condotta da un giovane. Per la categoria “agroalimentare” il riconoscimento è andato al comune di Maierà (CS), per quella “cultura, arte è storia” Santa Domenica di Talao (CS),” innovazione sociale” Santa Caterina dello Ionio (CZ), il premio speciale “il borgo in una foto” a Badolato (CZ).

Cinque le aziende premiate come “Giovane Imprenditore Agricolo”, per chi si è distinto  in termini di innovazione, sostenibilità ambientale e tutela della biodiversità. Per la Calabria il riconoscimento è stato assegnato a  Natale Godino, titolare del Birrificio Agricolo Miresia, situato a Vaccarizzo Albanese (CS), piccolo borgo arbëreshë. Produce una birra fresca e dissetante e, allo stesso tempo, fornisce al consumatore un prodotto che nasce direttamente dalla terra e con processi produttivi semplici.

Natale ha iniziato la sua esperienza imprenditoriale agricola dedicandosi alla coltivazione più diffusa del territorio come l’ulivo, ma la grande passione per l’agricoltura lo ha portato a diversificare e per dar sfogo alle sue passioni. Sfruttando l’acqua purissima delle sorgenti presenti in zona, ha iniziato a coltivare orzo e luppolo biologici che utilizza per la produzione.

L’offerta aziendale al momento conta su due tipologie di birra, “Flava” la bionda e “Rubra” la rossa. In Calabria, ricorda Coldiretti, ci sono 323 comuni fino a 5mila abitanti, il 5,8% dei 5.538 italiani e il 79% dei comuni calabresi dove risiede una popolazione di 526mila abitanti pari al 28,5% della popolazione calabrese.

«Le ultime indicazioni – informa Coldiretti – dicono che nell’estate 2024 due turisti su tre visiteranno i borghi dove si produce la quasi totalità dei prodotti Dop e Igp».

Nel complimentarsi con i premiati Franco Aceto presidente di Coldiretti Calabria ha affermato: «i borghi hanno un significativo valore economico, storico, culturale e ambientale in un paesaggio fortemente caratterizzato dalle produzioni agricole. Rappresentano – conclude – un motore turistico  e una risorsa strategica per il rilancio economico e occupazionale  per porre argine allo spopolamento, garantire la tutela idrogeologica e il mantenimento delle tradizioni”.

stefaniasapienza@calabriainchieste.it

Articolo PrecedenteIl lotto premia San Marco Argentano: punta 4 euro sulla ruota nazionale e porta a casa 216 mila euro
Prossimo Articolo“StraFuscaldo”, l’amministrazione comunale: «Nessun boicottaggio, polemiche fuorvianti su fatti inventati»