Home Cronache Mezzi comunali abbandonati sul territorio: denuncia del sindaco e dell’assessore Campanella

Mezzi comunali abbandonati sul territorio: denuncia del sindaco e dell’assessore Campanella

I mezzi rinvenuti sarebbero «reperti archeologici sparpagliati e disseminati in giro, tra qualche spiazzo e meccanici esperti»

183
0
Mezzi comunali da rottamare

Numerosi mezzi comunali privi di manutenzione, rotti e da rottamare sono stati individuati dall’amministrazione in carica. Una situazione vergognosa dalla quale il sindaco Vincenzo Pellegrino e l’assessore Salvatore Campanella hanno preso le distanze.

In particolare, l’assessore Campanella, sulla vicenda ha scritto: «“Goood morning Vietnam”, ops chiedo scusa, innanzitutto al popolo vietnamita, ma forse sarebbe il caso di esclamare buongiorno Amantea, parafrasando il celebre film di Robin Williams. Quando vi chiederanno cos’è l’indignazione, allora scorrerete queste meravigliose immagini di arte contemporanea (vedi foto corredate all’articolo)».

Per l’assessore Campanella, i mezzi rinvenuti sarebbero «reperti archeologici sparpagliati e disseminati in giro, tra qualche spiazzo e meccanici esperti». Ritornando a ragionare «sulle dinamiche oscure di come mezzi praticamente funzionanti, diventano magicamente mezzi da rottamare osserviamo 24h di silenzio e “rimettiamoci la maglia”, i tempi stanno per cambiare. Amantea sarà mai una città normale? Noi ci crediamo».

Sulla vicenda è intervenuto anche il primo cittadino per puntualizzare alcuni punti.

«Intervengo nella questione sollevata da Campanella relativa ai mezzi comunali solo per aggiungere qualche notizia: chi ora presta opera per il Comune utilizza mezzi propri; sono state richieste ed attivate le schede carburante per tutti i mezzi comunali utilizzati in servizio; non è il caso di ripetere come e con quali soldi sono stati riparati alcuni mezzi comunali attualmente in uso; l’ultimo mezzo riparato (in economia) è la spazzatrice».

E, ancora: «Un gruppo consistente di mezzi è (stato reso) da rottamare; fino alla completa attivazione delle carte carburante i mezzi vengono riforniti con….. lascio a voi la conclusione; tutti sanno quello che dobbiamo fare noi. Anche noi sappiamo quello che dobbiamo fare noi; ma tutti sapevano e sanno quello che dovevano e debbono fare loro? Temo che la storia passata e recente di questa città, se opportunamente interrogata, dia una sola risposta. Immaginate quale». Oggi «nessuno ha fatto commenti, suggerito soluzioni, evidenziato errori, addossato colpe sullo stato dei cantieri (galleria e litoranea) di Coreca; oggi i due cantieri sono stati attivi. Hanno lavorato sulla litoranea fino alle 16. Continuano a lavorare in galleria su più turni».

Infine: «Quando mi investirà l’accusa di costringere i lavoratori a non santificare la festa?».

Stefania Sapienza

Articolo PrecedenteAssegno unico, sette milioni di famiglie rischiano il taglio
Prossimo Articolo«Riforma Cartabia e ingiusta detenzione, cortocircuito del sistema»