Home Attualità Attacchi antisemiti contro la leader del Pd Elly Schlein. La candidata alla...

Attacchi antisemiti contro la leader del Pd Elly Schlein. La candidata alla segreteria finisce sotto vigilanza

«Il naso è senza dubbio una parte importante del mio corpo. E da quando mi sono candidata è diventato due cose insieme: prima un simbolo. E subito dopo un bersaglio»

293
0
La candidata alla segreteria del Pd, Elly Schlein

Attivata la vigilanza per la candidata alla segreteria del Pd, Elly Schlein. Una decisione sopraggiunta all’indomani dell’attentato perpetrato in danno della sorella Susanna – le è stata incendiata l’auto – prima consigliera dell’ambasciata italiana ad Atena.

Si tratta di quella che in termini tecnici viene chiamata “vigilanza radiocollegata con passaggi frequenti e numerose soste”, dove vive o lavora. Lunedì è previsto un comitato per approfondire la questione e valutare i provvedimenti. «Una misura precauzionale – ha detto il prefetto Attilio Visconti – fintanto che non capiremo le cose come stanno. Non sottovalutiamo niente e non prendiamo niente sottogamba».

A ciò si aggiungono gli insulti antisemiti che in queste ore hanno raggiunto sempre la Schlein.

«Ricevo insulti antisemiti per il mio naso». A denunciato Elly. «Il naso è senza dubbio una parte importante del mio corpo. E da quando mi sono candidata è diventato due cose insieme: prima un simbolo. E subito dopo un bersaglio», dice a ‘Tpi’ aggiungendo: «Si è attivato un vero e proprio esercito di odiatori che parte dal mio naso e dal mio cognome per esprimere ignobili sentimenti antisemiti, ma io non sono ebrea, perché come sapete la trasmissione avviene per linea matrilineare. Ma la cosa più folle è il dibattito sul mio naso. Perché non è un “naso ebreo Schlein” che ho ereditato da mio padre, come scrivono i razzisti nella rete. È un naso tipicamente etrusco».

Il ricorso agli insulti «è molto diffuso, questo mi preoccupa non per me ma per le ragazze nelle scuole. Purtroppo per le donne che si espongono e fanno politica c’è da fare i conti con una società profondamente misogina e sessista. L’impegno del Pd deve essere quello di liberarci di una misoginia interiorizzata. Non sono stupita degli insulti. Mi occupo di migranti, di diritti Lgbt+, delle comunità rom e sinti da tempo, tutti i giorni è così. Molti vanno sul personale più che sui contenuti, lo sforzo deve essere quello di concentrarsi sulle proposte. Se non attaccano quelle è perché non hanno argomenti».

Va ricordato, in merito, che nei mesi scorsi la candidata alla segreteria del Pd era stata attaccata da Giorgio Contovas, vicecoordinatore i Forza Italia per la Sesta Municipilità di Napoli. L’azzurro su Facebook aveva affiancato la foto di Schlein a quella di cavalli che nitriscono scrivendo: «E’ sempre bellissimo vedere gli animali che sorridono». Parole che avevano scatenato una valanga di polemiche, e il Pd aveva chiesto le dimissioni di Contovas.

 

Articolo PrecedenteAutonomia differenziata, Cennamo chiama a raccolta i sindaci: “Scelta pazzesca”
Prossimo ArticoloStudenti sempre più aggressivi verso i docenti: cresce la preoccupazione