Home Calabria Il Comune chiede i fondi per l’acquisto di un “mangia plastica”

Il Comune chiede i fondi per l’acquisto di un “mangia plastica”

Avendo Amantea un numero di abitanti superiore ai 10 mila, interessato altresì da importanti flussi turistici, ed essendo nelle intenzioni di installare il macchinario in un punto di considerevole affluenza dei cittadini, il contributo massimo a disposizione risulta essere pari a euro 30 mila

150
0
L'impianto mangia plastica

L’amministrazione Pellegrino, nei giorni scorsi, ha partecipato al “Programma sperimentale mangiaplastica” al fine di ottenere il contributo da parte del ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare per l’acquisto di un ecocompattatore.

«Quest’amministrazione – si legge negli atti presentati al ministero per la richiesta del contributo – ha dimostrato di essere un’attiva sostenitrice della cura e salvaguardia dell’ambiente e, quindi, della tutela della salute del cittadino. Gli eco – compattatori (o macchine mangia plastica) sono impianti presenti in tutta l’Europa e in diverse città italiane ed il loro sistema di incentivazione al riciclo ha dimostrato di saper raggiungere risultati molto importanti nel circuito virtuoso che collega il valore ecologico ad un indiscutibile valore economico, ovvero il cosìdetto “riciclo premiante”».

In virtù di assegnazione «del contributo previsto dal decreto ministeriale 360, del 2 settembre 2021, per l’acquisto di un ecocompattatore da utilizzarsi per incentivare il conferimento dei materiali plastici, avendo questo Comune un numero di abitanti superiore ai 10 mila, interessato altresì da importanti flussi turistici, ed essendo nelle intenzioni di installare il macchinario in un punto di considerevole affluenza dei cittadini, il contributo complessivo massimo a disposizione a questo Ente, risulta essere pari a euro 30 mila». Anche il Comune di Amantea, dunque, si è attivato per acquistare il macchinario al fine di tutelare l’ambiente.

Stefania Sapienza

Articolo PrecedenteBoom di casi di scarlattina nelle scuole: denuncia dei pediatri
Prossimo ArticoloLo chef Lorenzo Alessio in Calabria per formare le future leve della cucina italiana