Home Calabria Disagi e ritardi per il ticket, sindacalista si appella all’Asp

Disagi e ritardi per il ticket, sindacalista si appella all’Asp

Chiavazzo: "Ci si reca in questi giorni allo sportello Saub per rinnovare l’esenzione dei ticket chi lo fa nella stragrande maggioranza dei casi, sono persone anziane, cittadini con redditi bassi, disoccupati e quant’altro"

140
0
L'ospedale Iannelli di Cetraro

Disagi e ritardi per quelle persone che hanno bisogno di rinnovare l’esenzione dal pagamento del ticket sanitario presso lo sportello dell’ospedale di Cetraro.

La denuncia del sindacalista Luca Chiavazzo e l’appello al commissario dell’Asp 

CETRARO – «Chiariamo subito che non è responsabilità degli impiegati – sottolinea l’attivista sindacale sul suo profilo social – ma di chi determina e dirige tale servizio.  Questo è quanto avviene. Ci si reca in questi giorni allo sportello Saub per rinnovare l’esenzione dei ticket chi lo fa nella stragrande maggioranza dei casi, sono persone anziane, cittadini con redditi bassi, disoccupati e quant’altro».

«Considerata la posizione dello sportello Saub che trovasi lontano dal centro abitato, quindi, non si trovano nelle vicinanze cartolerie, o altro, in grado di fare le fotocopie dei documenti richiesti. succede che dopo una lunga fila le persone vengono rimandate indietro perché non fornite di fotocopie e invitate a ripresentarsi con le sospirate fotocopie».

«È davvero tanto difficile e dispendioso, ci chiediamo, far pagare una cifra minima per procedere dallo stesso sportello alla produzione delle copie richieste, e al massimo farle pagare allo sportello ticket nelle vicinanze? – si chiede il sindacalista – Quello che noi denunciamo è il perseverare del mancato rispetto dei cittadini inermi e maltrattati da questi burocrati che altro non fanno che complicare le cose mentre dovrebbero agevolarle. Commissario se c’è batta un colpo».

Fiorella Squillaro

Articolo PrecedenteProvincia di Cosenza, progetto di valorizzazione del patrimonio artistico
Prossimo ArticoloBullismo e cyberbullismo, l’annuncio di Pietro Molinaro