Home Calabria Droga, munizioni e armi con matricola abrasa: arrestato

Droga, munizioni e armi con matricola abrasa: arrestato

Due fucili illegalmente detenuti, uno calibro 12 con matricola abrasa e uno di illecita provenienza calibro 16, oltre a 59 munizioni da fucile e 19 cartucce per pistola. In casa è stato trovato anche materiale per il taglio, la suddivisione in dosi e il confezionamento della sostanza stupefacente

145
0
Armi e droga trovati e sequestrati dalla Polizia

(ANSA) – VIBO VALENTIA – Nascondeva droga, munizioni e armi con matricola abrasa e per questo motivo è stato arrestato.

Ad effettuare l’arresto sono stati gli agenti della Squadra mobile di Vibo Valentia, nell’ambito di controlli ad ampio raggio nell’area di Rombiolo e di Vibo, disposti dal Questore.

Nel corso di uno di questi, è stato fermato un uomo a bordo di autovettura sospetta. Vedendo lo stato di agitazione del soggetto, gli agenti hanno deciso di approfondire le ricerche che hanno portato al rinvenimento di una dose di cocaina occultata in un risvolto del berretto; poi 10 grammi di eroina avvolti in un involucro trasparente all’interno della leva del cambio.

I poliziotti hanno quindi deciso di estendere la perquisizione agli immobili riferibili all’indagato, che hanno consentito di scoprire nell’abitazione dell’uomo due fucili illegalmente detenuti, uno calibro 12 con matricola abrasa e uno di illecita provenienza calibro 16, oltre a 59 munizioni da fucile e 19 cartucce per pistola. In casa è stato trovato anche materiale per il taglio, la suddivisione in dosi e il confezionamento della sostanza stupefacente.

L’uomo è stato dunque arrestato per detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente, per detenzione di arma clandestina, detenzione abusiva di armi e munizioni, nonché di icettazione. Su disposizione della Procura di Vibo Valentia, l’indagato è stato portato in carcere. (ANSA).

 

Articolo PrecedenteIl 41% degli italiani difende il “carcere duro”, un altro 26% vuole inasprirlo
Prossimo Articolo“La Giornata del Ricordo: oltre la propaganda e il revisionismo”