Home Attualità Case Green: cittadini abbandonati da Governo e vessati da Ue

Case Green: cittadini abbandonati da Governo e vessati da Ue

Gli italiani sono stati abbandonati dal Governo Meloni che ha smantellato la pratica delle "ristrutturazioni 110", mentre l'Unione europea pretende procedure che garantiscano un'elevata efficienza energetica, riducendo sensibilmente gli sprechi

239
0
Il ministro Matteo Salvini

ROMA – Sulla vicenda delle “case green” gli italiani sono stati abbandonati dal Governo Meloni, che ha smantellato la pratica delle “ristrutturazioni 110“, mentre l’Unione europea che – a giusta ragione, deve pretendere procedure che garantiscano un’elevata efficienza energetica, riducendo sensibilmente gli sprechi – è ora costretta a caricare questi costi sulle spalle del popolo.

In merito, tuttavia, il populista Matteo Salvini interviene con le sue consuete mezze verità: “L’Europa con le case green mette in difficoltà i cittadini che già sono in difficoltà, e il governo è contro la proposta Ue”, spiega il leader della Lega, ospite di “Buongiorno Lombardia” su Telelombardia, come riferisce l’Ansa.

“Come Lega noi ci siamo opposti, purtroppo alcuni parlamentari del Pd hanno votato a favore. Non sono case green, che sarebbe anche bello, ma case chiuse. Perché si dovrà pagare dai 15 ai 20 mila euro per rimettere a posto casa, altrimenti sei fuori mercato. Non è il momento, con molta gente in difficoltà economica. Un conto è dire ‘se lo fai ti dò una mano’, un conto è dire ‘se non lo fai la tua casa vale zero'” ha detto il ministro.
“A proposito di appartamenti, case e bonus, posso rassicurare che il governo sta lavorando come venire incontro a chi ha fatto i lavori e ha i bonus incagliati. Pd e 5 Stelle avevano fatto i conti totalmente sballati, ma stiamo lavorando perché si rispettino gli impegni presi con gli imprenditori. Entro febbraio ci sarà un ragionamento” ha concluso Matteo Salvini.

 

Articolo PrecedenteLa città di Tropea invitata al compleanno dell’imperatore giapponese
Prossimo ArticoloOrario esteso alla biblioteca comunale De Nobili di Catanzaro