Home Cultura “Storia e storie del Mezzogiorno d’Italia. Studi in onore di Giuseppe Caridi”

“Storia e storie del Mezzogiorno d’Italia. Studi in onore di Giuseppe Caridi”

Il libro verrà presentato domani alle ore 16:00 presso la biblioteca comunale De Nobili

177
0

CATANZARO – “Storia e storie del Mezzogiorno d’Italia. Studi in onore di Giuseppe Caridi”, è il titolo del libro che verrà presentato domani, giovedì 23 febbraio, alle ore 16:00 presso la biblioteca comunale De Nobili nell’ambito della rassegna promossa dall’Amministrazione Comunale – assessorato alla Cultura “Parole, voci e suoni di Calabria”.

Il volume, a cura di Mirella Vera Mafrici dell’Università di Salerno e Francesca Martorano dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, è edito da Città del Sole – Reggio Calabria.

Introdurrà l’evento e modererà il dibattito Rosella Folino Gallo, direttrice dell’Istituto di Storia del Risorgimento Italiano di Catanzaro; con lei dialogheranno le curatrici e interverrà Giuseppe Caridi, presidente della Deputazione di Storia Patria per la Calabria.

Storia e storie del Mezzogiorno d’Italia. Studi in onore di Giuseppe Caridi” è un volume collettaneo che accoglie i contributi, imperniati nell’arco temporale dei secoli XI-XX, che colleghi e componenti della Deputazione di Storia Patria per la Calabria hanno inteso dedicare al professor Giuseppe Caridi in occasione del ventesimo anno di presidenza della Deputazione di Storia Patria per la Calabria, nonché del conclusione del suo percorso accademico presso l’Università di Messina.

Territorio, economia, arte, cultura, istituzioni ecclesiastiche e laiche, dinamiche feudali e potere baronale, storia di Calabria e d’Italia, ma anche l’Italia spagnola, il Mediterraneo e le relazioni internazionali sono i temi intorno ai quali si articolano i vari contributi che si rivelano così vicini o affini al percorso storiografico e culturale di Caridi.

Articolo PrecedenteAssistenza agli anziani, istruttoria conclusa per 111 utenti
Prossimo ArticoloProtocollo azienda unica “Dulbecco”: 855 posti letto “blindati”