Home Politica Lavori alla scuola D’Errico, Capellupo: “No a sciacallaggio politico”

Lavori alla scuola D’Errico, Capellupo: “No a sciacallaggio politico”

Accuse a "qualche consigliere comunale bocciato dai catanzaresi"

126
0
Vincenzo Capellupo, consigliere comunale

CATANZARO – Vincenzo Capellupo, consigliere comunale del capoluogo, denuncia “sciacallaggio politico” sulla vicenda dei lavori alla scuola D’Errico; lavori che, a detta di  Capellupo, sarebbero stati “tempestivi”.

Ma andiamo con ordine.

“Ringrazio l’assessore Raffaele Scalise ed il settore Gestione del territorio per l’intervento che ha consentito in poche ore la risoluzione di un problema sulla rete fognaria all’interno del cortile della scuola Laura D’Errico.

Purtroppo molti edifici scolastici sono stati costruiti anni addietro e hanno subito negli ultimi 20 anni un completo abbandono ragione per cui necessitano oggi di continui interventi quotidiani in emergenza.

Ringrazio per la collaborazione genitori, dirigenti e personale scolastico che devono essere consapevoli di quanto l’amministrazione guidata da Nicola Fiorita tenga alla scuola pubblica e stia approntando dei progetti per il loro efficientemente energetico e per la loro manutenzione”, puntualizza il consigliere comunale.

E poi l’attacco agli oppositori: “Al contempo continuo a registrare lo sciacallaggio vergognoso di qualche consigliere comunale bocciato dai catanzaresi, che nulla ha fatto, pur potendo, per la risoluzione della problematica dell’edilizia scolastica nei quasi 20 anni di sua presenza in Consiglio comunale con ruoli di primo piano e che oggi animato da uno strano sentimento di autolesionismo contro la sua città prova in tutti i modi di trovare condizioni artificiose e tendenziose per creare allarme, chiudere le scuole ed interrompere le attività didattiche”, dichiara Vincenzo Capellupo.

Articolo PrecedenteDue milioni di euro per il depuratore di località “Verghello” a Catanzaro
Prossimo ArticoloPresentato a Spezzano il libro “Don Benedetto Gismondi – Memorie e Testimonianze”