Home Cultura La Città Metropolitana a confronto con Cassa Depositi e Prestiti

La Città Metropolitana a confronto con Cassa Depositi e Prestiti

“Strumenti ed opportunità indispensabili per la pubblica amministrazione anche per il sociale ed il green”

146
0
I protagonisti

REGGIO CALABRIA – Si è svolto presso la sala Perri di Palazzo Alvaro l’incontro-workshop per amministratori curato dai referenti e funzionari per i nostri territori della Cassa Depositi e Prestiti Fabrizio Ferrari e Salvatore Russo.

L’evento, dal significativo titolo “Cdp per la Pubblica amministrazione: il nuovo modello di finanziamento d’impatto. I prodotti di finanziamento Cdp con focus sul prestito Green e le opportunità di gestione attiva del debito”, ha voluto informare e descrivere ai rappresentanti di varie amministrazioni locali i prodotti ed i servizi che la Cassa mette a disposizione anche rispetto alla progettazione del PNRR oltre che ad interventi nel settore stesso della transizione ecologica, in linea con indirizzi ormai strutturali della Comunità Europea.

Confronto di valore sia tecnico che politico per le preziose informazioni relative all’utilizzo di strumenti di finanziamento, sotto forma di “mutuo”, di “anticipazione“, ma anche altri strumenti, indispensabili per la pianificazione di una programmazione strategica pluriennale nella governance pubblica in ambiti di assoluta ormai ritenuti di assoluta rilevanza.

Così interviene il consigliere metropolitano Domenico Mantegna sull’argomento: “Ringrazio i Funzionari della Cassa Depositi e Prestiti per aver illustrato agli amministratori intervenuti le possibilità, le potenzialità e le opportunità a disposizione sia dei Comuni che delle istituzioni territoriali in generale. Opportunità a tassi agevolati che consentono di accogliere e tradurre concretamente istanze ed esigenze in settori-chiave individuati dalla Comunità Europea.

Strumenti che consentiranno anche di intercettare finanziamenti per investimenti economici con riflessi sociali ed ambientali. Attraverso il Prestito green potremo infatti intervenire in settori strategici come l’edilizia scolastica, il ciclo dei rifiuti e le energie rinnovabili”.

Articolo Precedente“Lo Zibibbo di Cantine Benvenuto tra i migliori 20 vini bianchi d’Italia”
Prossimo ArticoloI vini e i prodotti identitari della Città Metropolitana protagonisti al Vinitaly 2023