Home Sport Derby Catanzaro-Cosenza, presidente Consiglio comunale Bosco invita il collega cosentino Mazzuca

Derby Catanzaro-Cosenza, presidente Consiglio comunale Bosco invita il collega cosentino Mazzuca

«Vogliamo incoraggiare tutti i tifosi a vivere la partita con entusiasmo e passione, ma sempre nel rispetto delle regole e dell'avversario»

125
0
Lo stadio Ceravolo di Catanzaro
 
CATANZARO – Il presidente del Consiglio Comunale di Catanzaro, Gianmichele Bosco, ha invitato formalmente il presidente del Consiglio Comunale di Cosenza, Giuseppe Mazzuca, a partecipare al derby tra Catanzaro e Cosenza
«Siamo consapevoli che il derby, per la sua storia e per le emozioni che suscita, rappresenta ben più di un semplice incontro sportivo. È una competizione che, nel corso degli anni, ha delineato un confine tra le tifoserie, creando un senso di appartenenza e identità unica per i nostri sostenitori. E che speriamo potrà godere anche della presenza dei tifosi ospiti, senza particolari restrizioni. L’invito a questo incontro è un gesto simbolico volto a riconoscere e rispettare questa rivalità decennale, mantenendo al tempo stesso un clima di rispetto reciproco e di fair play».
Ha dichiarato Gianmichele Bosco, presidente del Consiglio Comunale di Catanzaro.
Ed ha aggiunto: «La presenza del presidente Mazzuca sarebbe un segnale forte di come, anche di fronte alla competizione e alla passione, possiamo unirci nell’ambito dello sport per promuovere valori positivi e costruttivi».
«In occasione di questo derby, vogliamo incoraggiare tutti i tifosi a vivere la partita con entusiasmo e passione, ma sempre nel rispetto delle regole e dell’avversario. Il nostro obiettivo è quello di garantire che l’evento si svolga in un ambiente sicuro e positivo, dove la rivalità si esprime soltanto attraverso il tifo appassionato e mai attraverso comportamenti negativi».
Articolo PrecedenteCittà Metropolitana a confronto con Sorical per la transizione del servizio idrico
Prossimo ArticoloUn seminario su “Cyberbullismo Nuove dipendenze e insidie social”