Home Calabria Autonomia differenziata, Fiorita: «Da Succurro parole sincere e convinte, martedì sarò al...

Autonomia differenziata, Fiorita: «Da Succurro parole sincere e convinte, martedì sarò al sit-in di Anci Calabria»

Il sindaco di Catanzaro: «La sua posizione si diversifica clamorosamente da molte voci di deputati e senatori calabresi supinamente appiattiti sugli ordini di scuderia»

10
0
Il sindaco di Catanzaro, Nicola Fiorita

CATANZARO – Il sindaco di Catanzaro, Nicola Fiorita, esponente di centrosinistra, si schiera con la presidente dell’Anci Calabria, Rosaria Succurro, organica al centrodestra, preannunciando la sua partecipazione al sit-in di protesta contro l’autonomia differenziata del governo Meloni.

«Non ho votato Rosaria Succurro come presidente dell’Anci perché la sua elezione fu utilizzata in quella fase dal centrodestra calabrese per compiere una prova di forza, preferendo all’unità della associazione il ridimensionamento di alcune voci autorevoli mediante l’esclusione dalla trattativa dei sindaci delle grandi e delle medie città della regione.

Devo dire che la ferma presa di posizione assunta ieri da Anci Calabria e dalla sua presidente sull’autonomia differenziata, con parole che non lasciano dubbi sulla loro sincerità e convinzione, mi fa ricredere sulla sua etero-dipendenza dai partiti del centrodestra.

Ancora più significativo il fatto che questa posizione si diversifichi clamorosamente da molte voci di deputati e senatori calabresi, supinamente appiattiti sugli ordini di scuderia provenienti dal governo nazionale.

È per questi motivo, sicuro che la posizione del presidente Anci non sia una semplice tattica per uscire dall’angolo, ho deciso di partecipare martedì prossimo al sit-in davanti alla prefettura per ribadire il no dei sindaci calabresi al grande inganno dell’autonomia differenziata, la riforma che potrebbe spezzare per sempre in due il nostro Paese».

Articolo PrecedenteInchiesta contro le cosche di Cirò e Cariate, rinviate a giudizio 27 indagati
Prossimo ArticoloLa città Metropolitana pronta a sbarcare al Salone internazionale del libro di Torino