Home Sport «Riempiamo il “Ceravolo” per tornare a far parlare in positivo della nostra...

«Riempiamo il “Ceravolo” per tornare a far parlare in positivo della nostra fantastica tifoseria»

«E’ stata una settimana segnata dalle tensioni scatenate dagli scontri accaduti a margine del derby tra Cosenza e Catanzaro»

38
0
Tifosi allo stadio Ceravolo
 
CATANZARO – Giusy Iemma, vicesindaco di Catanzaro, formula un pubblico appello a tutti i Catanzaresi in occasione della gara di calcio che si terrà domani in casa: «Riempiamo il Ceravolo per tornare a far parlare in positivo della nostra fantastica tifoseria».
«E’ stata una settimana segnata dalle tensioni scatenate dagli scontri accaduti a margine del derby tra Cosenza e Catanzaro.
Le indagini faranno il loro corso, nella giusta ricerca delle responsabilità, ma questo non deve in alcun modo deprimere la passione e il tifo per i colori giallorossi.
Domani la squadra tornerà al Ceravolo per la prossima partita di campionato contro la Reggiana, ed è necessario far sentire in maniera compatta ed unitaria la vicinanza alle Aquile, a chi scenderà in campo, alla curva, alla dirigenza che ha sempre tenuto un profilo alto.
Sui fatti di cronaca è stato detto a gran voce che è fondamentale ristabilire la verità sulla dinamica degli incidenti, ferma restando la piena condanna contro ogni forma di violenza.
Quello che è successo deve farci riflettere tutti su quanto è fondamentale praticare il senso di unità e di condivisione a tutela dell’immagine e della reputazione della nostra Calabria, culla della civiltà.
Ora è il momento, ancor di più, di rimettere al centro lo sport e di tornare a far parlare esclusivamente della nostra tifoseria acclamata in tutta Italia.
L’invito, dunque, è quello di riempire lo Stadio, mettendo da parte la tensione accumulata e far riemergere i valori positivi dello sport e dello stare insieme che ci hanno sempre contraddistinto».
Articolo PrecedenteAl via la EuroCup di Basket in carrozzina, Versace e Latella: «Evento prestigioso che rende onore a Reggio Calabria»
Prossimo ArticoloPremio 8 Marzo: insignite otto donne che rendono onore alla città di Reggio Calabria