Home Cultura In un libro storie di donne, vino e libertà: coinvolte 20 cantine...

In un libro storie di donne, vino e libertà: coinvolte 20 cantine calabresi a guida femminile

L’autrice indaga con stile intimista, sociologico confidenziale le difficoltà che una donna si trova ad affrontare in un settore ancora a predominanza maschile

22
0

COSENZA – Sarà presentato il 5 aprile alle ore 18.30, unica tappa in Calabria, presso l’Enoteca Regionale della Provincia di Cosenza in Piazza XV Marzo, il libro “Intrepide. Storie di donne, vino e libertà”, una raccolta di dodici storie di donne audaci, leggende e compagne di viaggio del mondo del vino.

Si tratta della terza opera di Laura Donadoni, scrittrice, giornalista e wine educator (nota sui social come @theitalianwinegirl).

L’autrice – in questo volume – indaga con stile intimista, sociologico confidenziale le difficoltà che una donna si trova ad affrontare in un settore ancora a predominanza decisamente maschile, restituendo un vero e proprio racconto corale di una comunità di donne che partecipa e definisce il processo di un cambiamento collettivo.

La platea sarà arricchita dalla presenza di 20 cantine calabresi a guida femminile. Dopo l’incontro – moderato da Cristina Raffaele, della delegazione Fisar Cosenza, ideatrice e coordinatrice dell’evento – seguirà, infatti, una degustazione libera dei vini delle produttrici, rappresentative di tutte le province, riunite per la prima volta in un unico spazio.

All’evento parteciperà anche Angela Palombo, referente nazionale Fisar in Rosa e le cantine saranno supportate dalle sommelier Fisar Cosenza.

Infine, nelle sale espositive dell’Enoteca Regionale, accanto alle postazioni dedicate alle cantine, saranno presenti degli angoli di degustazione di pane e salumi anch’essi prodotti da aziende che rappresentano esempi di successo di imprenditoria femminile del nostro territorio: il Panificio Cuti di Pina Oliveti e il Salumificio Madeo di Anna Madeo.

Le cantine in degustazione:

Poderi Marini – Maria Paola Marini

Spadafora 1915– Manuela Micieli

Azienda Agricola Stamati – Natalia Rossella Stamati

Le Conche – Antonella Mauro

Serragiumenta – Rita Bilotti

Igreco – Filomena Greco

Immacolata Pedace

Casa Comerci – Rosa Comerci

Cantina Artese – Giovanna Artese

La Pizzuta del Principe – Dorina Bianchi

Tenuta del Conte – Mariangela Parrilla

Fratelli Dell’Aquila – Assunta Dell’Aquila

Tenuta Renda – Valentina e Francesca Renda

Cantina Greco – Enza Greco

Fezzigna – Enza Demunno

Mauro – Stefania Mauro e Justyna Daniluk

Cantine Lavorata – Adele Lavorata

Azienda Agricola Baccellieri – Mariolina Baccellieri

Cantine Zagarella – Maricle Zagarella

Azienda Nesci – Alberta Nesci

Articolo PrecedenteL’Arbëria di Calabria sostiene il modello albanese di pace
Prossimo ArticoloBambino di 8 anni si sente male a una festa, l’ambulanza arriva senza medico