Home Cronache Scandalo scuola statale venduta da imprenditrice calabrese, «nessun illecito»

Scandalo scuola statale venduta da imprenditrice calabrese, «nessun illecito»

Nota imprenditrice di Corigliano Rossano coinvolta in una presunta «onda anomala mediatica» da una trasmissione di Rete4

26
0

CORIGLIANO ROSSANO (Cs) – Non vi sarebbe alcun illecito nella vendita della scuola statale ex Parini di Roma a opera di una nota imprenditrice di Corigliano Rossano, coinvolta in una «onda anomala mediatica» da una trasmissione di Rete4.

Gli avvocati Francesco Nicoletti e Giusy Acri hanno infatti ricevuto incarico professionale dalla titolare dell’azienda agricola “Futur-E” – con sede a Corigliano-Rossano, area urbana Rossano alla c/da Amica snc – «importante e stimata imprenditrice del territorio», al fine di tutelare la propria immagine aziendale in seguito a quanto riportato da organi di stampa nazionali.

«Durante un servizio televisivo andato in onda su Rete 4, trasmesso dal programma “Fuori dal Coro”, in data 13 marzo scorso, l’imprenditrice veniva additata di aver posto in essere condotte contra legem al fine di acquisire un edificio sito in Roma alla Piazza Capri, un tempo sede della rinomata scuola “Parini”.

«La notizia – affermano gli avv.ti Nicoletti e Acri – è poi rimbalzata su quotidiani, blog e televisioni nazionali avendo effetti negativi sull’immagine aziendale.

A seguito di tale servizio televisivo e dell’onda anomala mediatica che ne è scaturita e che si è abbattuta contro la nostra assistita, è doveroso evidenziare e specificare che non è stato notificato alcun provvedimento giudiziario nei confronti dell’imprenditrice e che, pertanto, la stessa, allo stato, non risulta indagata di qualsivoglia ipotesi di reato.

La nota imprenditrice si dichiara totalmente estranea a qualunque equivoca vicenda e, all’uopo, ci ha conferito incarico al fine di tutelare i suoi diritti ed interessi in ogni opportuna sede Giudiziaria».

Articolo PrecedenteAgli arresti domiciliari continuava a spacciare, 44enne indagato nell’operazione “Perseverant” portato in carcere
Prossimo ArticoloInsediamento vicario del questore della Provincia  di Cosenza, Ferruccio Martucci