Home Attualità La nuova droga sintetica che spaventa tutti si chiama Blue Punisher

La nuova droga sintetica che spaventa tutti si chiama Blue Punisher

Sulla pasticca è impresso un teschio, simbolo di un supereroe Marvel. Contiene fino a 5 volte una comune dose di Mdma. È come mettere il motore di una Ferrari in una 500. Sicuramente va più forte, ma poi rischi che l’auto perda i pezzi

562
0
Il teschio impresso sulle pasticche

Sulla pasticca è impresso un teschio, simbolo di un supereroe Marvel. Contiene fino a 5 volte una comune dose di Mdma. È come mettere il motore di una Ferrari in una 500. Sicuramente va più forte, ma poi rischi che l’auto perda i pezzi.

La Blu Punisher è una pastiglia. Il suo nome deriva proprio dalla colorazione tendente al blu e per l’incisione sulla superficie che ricorda “The Punisher”, l’antieroe protagonista del mondo Marvel. La droga è ritenuta ad oggi tra le sostanze stupefacenti più potenti in circolazione. I suoi primi sequestri sono stati effettuati in Inghilterra, dalla polizia di Manchester almeno lo scorso anno. La droga, infatti, è in giro in tutta Europa da circa un anno e di recente è sbarcata anche a Roma.

La Manchester Metropolitan University ha analizzato la pastiglia utilizzando specifici test di laboratorio. I risultati hanno rivelato, in due occasioni diverse, che la droga sintetica contiene 477 milligrammi di Mdma – ovvero 5 volte in più il principio attivo individuato all’interno delle pasticche di ecstasy.

L’eccessiva quantità di principio attivo rilevato dalla Blue Punisher, secondo gli esperti, causerebbe gravi danni a livello neurologico, tanto che anche il consumo di mezza pastiglia potrebbe risultare potenzialmente letale.

La Mdma (sostanza psicoattiva) è in grado di eliminare ogni genere di freno inibitorio, sia psicologico sia emotivo. Inoltre, tra gli effetti dovuti alla sua assunzione anche la totale mancanza dello stimolo della fame e della stanchezza.

Assumere un sovradosaggio della droga può comportare una serie di effetti collaterali immediati anche gravi. Tra i più frequenti: contrazione della mandibola; difficoltà respiratorie; incremento della sudorazione; dolori allo stomaco.

Ma a destare maggiore preoccupazione sono gli effetti a lungo termine della sostanza. Tra questi, gli esperti ritengono che un abuso di Blue Punisher possa condurre a conseguenze neuropsichiatriche come la diminuzione di serotonina o a malattie potenzialmente letali come per esempio il morbo di Parkinson.

La cosa che spaventa ancora di più è che gli utilizzatori di questa nuova droga sintetica sono proprio i giovani.

 

 

Articolo PrecedenteIl sindaco di Tropea: “Maggiore dialogo con Bruxelles”
Prossimo ArticoloMuore dopo l’addominoplastica: il marito l’ha scoperto quando è tornato in clinica