Home Calabria Consiglio regionale, 15 indagati per il crollo del tetto

Consiglio regionale, 15 indagati per il crollo del tetto

Coinvolti nella indagine giudiziaria, sono: Giovanbattista Battaglia, Giovandomenico Caridi, Raffaele Campisi, Alberto De Flammineis, Ferdinando Ferraro, Emanuele Fiorino, Salvatore Laganà, Dante Mazzitelli, Francesco Messineo, Daniele Naso, Domenico Naso, Paolo Morabito e Ubaldo Multari

142
0
La sede del consiglio regionale della Calabria

La Procura della Repubblica di Reggio Calabria ha chiuso l’inchiesta sul crollo del tetto dell’auditorium “Nicola Calipari” al Consiglio regionale della Calabria avvenuto il 31 luglio 2020.

Sono quindici gli indagati ai quali il procuratore Giovanni Bombardieri e i pm Andrea Sodani e Matteo Campagnaro hanno notificato l’avviso di conclusione indagini, per il reato di “crollo di costruzioni o altri disastri dolosi”. Secondo la pubblica accusa, “i problemi che hanno causato il crollo del tetto sono collegati alle varie fasi di costruzione dell’auditorium e, in particolare, a quelle di copertura, realizzazione degli arredi e degli impianti speciali, realizzazione dell’impianto fotovoltaico e impermeabilizzazione della copertura”. Ognuno nel suo ruolo, per come evidenziato dall’ufficio di Procura, “gli indagati avrebbero posto in essere condotte negligenti, imprudenti e imperite”.

Coinvolti nella indagine giudiziaria, sono: Giovanbattista Battaglia, Giovandomenico Caridi, Raffaele Campisi, Alberto De Flammineis, Ferdinando Ferraro, Emanuele Fiorino, Salvatore Laganà, Dante Mazzitelli, Francesco Messineo, Daniele Naso, Domenico Naso, Paolo Morabito e Ubaldo Multari.

Tra gli indagati c’è anche l’ex presidente della Camera di Commercio di Vibo Valentia, Michelino Roberto Lico nella sua qualità di procuratore speciale e direttore tecnico dell’impresa “Lico Santo Srl” che ha curato la realizzazione degli arredi e degli impianti speciali dell’auditorium. Secondo gli inquirenti, Lico avrebbe proposto e realizzato alla direzione dei lavori una variante con cui apportava modifiche sostanziali al progetto originariamente approvato “prevedendo una nuova tipologia di controsoffitto a gradoni – riporta il capo di imputazione – e la collocazione al suo interno dei diffusori dell’impianto acustico, di videoproiezione e di videosorveglianza, nonché un intervento di impermeabilizzazione della copertura mediante posa in opera di due strati di guaina elastomerica dello spessore complessivo di 8,5 millimetri”.

È indagato anche il dirigente del settore tecnico del consiglio regionale, Vincenzo Romeo che, come responsabile unico del procedimento di progettazione dell’impianto fotovoltaico, “approvava gli elaborati progettuali, attestandone l’adeguatezza e l’esaustività, e deliberava la realizzazione dell’impianto”.

 

 

 

 

 

Articolo PrecedenteLungomare, Giacco: «Versa in uno stato pietoso. Urgono interventi»  
Prossimo ArticoloCongresso Pd, denunciate anomalie: «In una notte tesserati circa 2000 persone»