Home Calabria Scuolabus sequestrati perché privi di assicurazione: sindaco “turbato”

Scuolabus sequestrati perché privi di assicurazione: sindaco “turbato”

Cennamo: "Ho appreso con preoccupazione e rammarico la notizia degli esiti del controllo operato dalla Polizia di Stato sugli scuolabus"

158
0
I due scuolabus posti sotto sequestro

CETRARO – Il sindaco sul caso degli scuolabus sequestrati perché senza assicurazione: “Fatto che mi ha turbato”.

Il sindaco Ermanno Cennamo ha avviato un’indagine interna all’esito della quale annuncia che saranno presi i provvedimenti del caso nei confronti della ditta che ha l’appalto del trasporto scolastico per le scuole della cittadina tirrenica.

«Nei giorni scorsi, ho appreso con preoccupazione e rammarico la notizia degli esiti del controllo operato dalla Polizia di Stato sugli scuolabus del Comune di Cetraro – spiega il sindaco Ermanno Cennamo –  che ha portato alla luce l’assenza di revisione e di copertura assicurativa su alcuni dei mezzi utilizzati per il trasporto dei bambini frequentanti gli istituti della città.

Si tratta di un fatto gravissimo che mi ha turbato profondamente – sottolinea il sindaco – in particolare perché riguarda la sicurezza dei bambini che quotidianamente utilizzano il servizio di trasporto scolastico.

Sulla tutela della salute dei ragazzi non sono ammesse deficienze e deve essere assicurata la massima attenzione per garantire che tutti i mezzi impiegati nell’esecuzione del servizio di trasporto scolastico risultino pienamente conformi alla vigente normativa in materia di sicurezza, oltre che alle prescrizioni stabilite nella gara d’appalto.

Per questi motivi ho scritto al dirigente del settore competente affinché mi notizi ufficialmente su quanto accaduto. Mi riserverò – conclude il sindaco – congiuntamente al segretario comunale, di assumere i dovuti provvedimenti».

Dopo essersi messi in regola con la copertura assicurativa i due scuolabus sono stati dissequestrati dalla Polizia e hanno ripreso la loro attività nel Comune tirrenico.

Fiorella Squillaro

Articolo PrecedenteLa città metropolitana approva il bilancio di previsione
Prossimo ArticoloL’oncologo Filippo Zerilli: «Non ho mai avuto contatti con Messina Denaro»