Home Cultura Consorzio di Tutela Fichi partner della cucina italiana

Consorzio di Tutela Fichi partner della cucina italiana

L'esordio sarà previsto in occasione della 7° edizione dei Campionati della Cucina Italiana, dal 19 al 22 febbraio 2023

162
0
La locandina

COSENZA – ll Consorzio di Tutela dei Fichi di Cosenza DOP continua a conquistare i palati italiani, diventando main partner della Federazione Italiana Cuochi per tutti gli eventi previsti nel 2023.Un importante palcoscenico per il frutto dei Bruzi, tanto riconosciuto nella sua prelibatezza da diventare sostenitore della cucina nazionale, con l’associazione di categoria dei cuochi italiani, ente riconosciuto istituzionalmente.L’esordio sarà previsto in occasione della 7° edizione dei Campionati della Cucina Italiana, dal 19 al 22 febbraio 2023, che avrà luogo all’interno della manifestazione “Beer Attraction & Food Attraction”, presso il Rimini Expo Centre Italy. Un evento che metterà in grande rilievo i Fichi di Cosenza DOP i quali saranno ingrediente principale delle preparazioni in gara nella categoria campionati di pasticceria.Una grandissima opportunità per il comparto gastronomico calabrese e per il Consorzio di Tutela dei Fichi di Cosenza DOP, in una delle vetrine più importanti della ristorazione italiana, che avrà lo scopo di valorizzare, sostenere e migliorare uno dei settori più importanti dell’economia nazionale.La FIC – infatti – attraverso eventi di rilievo, pone a confronto professionisti e aziende del settore, ascoltando la loro voce, e le promuove, con l’ausilio delle istituzioni, enti e canali di comunicazione, al fine di far riconoscere il loro operato.Ai campionati di Rimini, immancabile la presenza dello stand promozionale e divulgativo del Consorzio di Tutela Fichi di Cosenza DOP, per un’esperienza gastronomica unica che porta per mano i visitatori alla scoperta di questo frutto caratteristico del territorio cosentino. 

Articolo PrecedenteEcco il nuovo Istituto Alberghiero di Locri: pratico, sicuro, moderno, accessibile e ad impatto zero
Prossimo ArticoloTurismo, Tropea protagonista in Farnesina