Due bimbi morti di insufficienza epatica acuta

    Trattati con Zolgensma: l'Aifa raccomanda pertanto un regime profilattico con corticosteroidi e il monitoraggio della funzionalità epatica per almeno 3 mesi dopo l'infusione del farmaco

    200
    0
    La sede dell'Aifa

    (ANSA) – Due casi fatali di insufficienza epatica acuta si sono verificati in due bambini, di 4 e 28 mesi, affetti da atrofia muscolare spinale (SMA) e trattati con il farmaco Zolgensma (onasemnogene abeparvovec).

    Li segnala l’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) sul proprio sito, pubblicando la nota informativa dell’azienda produttrice Novartis.

    Zolgensma è la prima terapia genica contro la Sma, approvata dall’Aifa nel 2021 ed a carico del Ssn per tutti i bambini affetti dalla patologia e sotto i 13,5 kg di peso.

    Ad oggi, rileva l’agenzia, sono circa 3000 i pazienti curati con tale farmaco, che ha un elevato costo.

    L’epatotossicità, ovvero la tossicità per il fegato, segnalata con onasemnogene abeparvovec, spiega l’Aifa, si manifesta spesso come funzionalità epatica anomala o come aumento delle aminotransferasi.

    Tuttavia, sono stati segnalati danno epatico acuto grave o insufficienza epatica acuta, anche con esito fatale. Il meccanismo sottostante, sottolinea l’agenzia, è “probabilmente correlato a una risposta immunitaria innata e/o adattativa al vettore”.

    L’Aifa raccomanda pertanto un regime profilattico con corticosteroidi e il monitoraggio della funzionalità epatica per almeno 3 mesi dopo l’infusione del farmaco. Ciò include il monitoraggio settimanale per il primo mese e durante l’intero periodo di riduzione graduale dei corticosteroidi, seguito da un monitoraggio bisettimanale per un altro mese e, se clinicamente indicato, anche in altri momenti. Inoltre, i pazienti che presentano segni o sintomi indicativi di disfunzione epatica devono essere prontamente valutati per danno epatico. Nel caso in cui i pazienti non rispondano adeguatamente ai corticosteroidi, consultare un gastroenterologo o un epatologo pediatrici. Queste le caratteristiche cliniche comuni di questi due casi, come si legge sul sito Aifa: la manifestazione iniziale del danno epatico è stata l’aumento asintomatico delle aminotransferasi epatiche entro le prime 1-2 settimane dopo l’infusione; la manifestazione clinica dell’epatotossicità includeva vomito, debolezza e un secondo aumento delle aminotransferasi epatiche.

    A seguire si è presentato un rapido deterioramento della funzionalità epatica e la progressione verso l’encefalopatia epatica e l’insufficienza multiorgano. Il decesso si è verificato 6-7 settimane dopo l’infusione di onasemnogene abeparvovec, durante il periodo di riduzione graduale della dose di corticosteroidi. Zolgensma, si sottolinea, “è sottoposto a monitoraggio addizionale. Ciò permetterà la rapida identificazione di nuove informazioni sulla sicurezza. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta”.

    Novartis Gene Therapies, azienda produttrice del farmaco Zolgensma contro la Sma, “crede fermamente nel profilo rischi/benefici complessivamente favorevole di onasemnogene abeparvovec, che finora è stato utilizzato per trattare oltre 3000 pazienti in tutto il mondo nel corso di studi clinici e programmi di accesso gestito, oltre che in ambito commerciale”. Lo afferma l’azienda farmaceutica in una nota, a seguito del decesso di due bambini affetti da Sma, e trattati con il farmaco, per insufficienza epatica acuta. I decessi sono avvenuti nel 2022 in Russia e Kazakistan. Il farmaco è autorizzato con procedura centralizzata dall’Ema. (ANSA)

    Articolo PrecedenteTrovato in un parcheggio il corpo semicarbonizzato di un 16enne
    Prossimo ArticoloClan, estorsione pluriaggravata: condanna definitiva per il “boss della montagna”