Home Attualità Il figlio di 11 mesi fuma la sigaretta elettronica e i genitori...

Il figlio di 11 mesi fuma la sigaretta elettronica e i genitori ridono (VIDEO)

“Riaprite i manicomi”, c’è chi scrive sul web. “I figli vanno tolti a queste persone”, suggerisce qualcun altro

208
0

Immagini che indignano il web e che stanno facendo il giro della Rete: il figlio di appena 11 mesi fuma una sigaretta elettronica tra l’ilarità dei genitori che se la ridono, in particolar modo quando il piccolino tossisce. “Riaprite i manicomi”, c’è chi scrive sul web. “I figli vanno tolti a queste persone”, suggerisce qualcun altro.

La vicenda arriva dall’Australia, dove il video ha trovato molto terreno fertile, ma solo per poche ore. I protagonisti sono due genitori – ma non solo – di Kempesy, sulla costa centro-settentrionale del Nuovo Galles del Sud, stato dell’Australia. Nel filmato, censurato una volta che è diventato virale, si riconoscono le risate dei familiari attorno al piccolino che sputa e tossisce mentre viene costretto a fumare. La polizia sta indagando su quanto accaduto. La questione è stata presa molto seriamente perché “normalizza lo svapo”. Lo spiega Paige Preston della Lung Foundation a 7NEWS.

“Bisogna far luce su questa cosa che è incredibilmente pericolosa per i bambini e per gli adulti”. Rintracciati, i familiari, avrebbero poi rivelato alle forze dell’ordine di aver agito senza immaginare che il piccolino potesse star male. La loro giustificazione, infatti, è stata quella di aver creduto che il figlio, mentre fumava la sigaretta elettronica, stesse bene, e che l’episodio non gli avrebbe comportato alcun problema.

Il timore degli esperti, scrivono dall’Australia, è che questo tipo di filmato contribuisca a rendere “ordinario” un comportamento simile. Diventato un gesto abitudinario e introdotto nella vita di tutti i giorni per molte persone, la paura è che si rischia di arrivare a normalizzare il gesto dello svapo senza porsi più barriere, comprese quelle relative all’età. Dopo il clamore del video, qualcuno tra i commenti ha detto di aver riconosciuto la vicenda e di essere in possesso di informazioni secondo le quali, dopo l’episodio, il piccolino sia stato trasportato in ospedale.

Articolo PrecedenteLa città di Tropea nella rete nazionale delle città sane
Prossimo ArticoloCovid, per l’Fbi la fuga del virus dal laboratorio cinese è una tesi “probabile”