Home Cultura Commedia in dialetto cetrarese ispirata alla poesia di Graziella Maritato

Commedia in dialetto cetrarese ispirata alla poesia di Graziella Maritato

Si terrà questa sera alle ore 20,30 presso il piazzale della Colonia S. Benedetto a Cetraro Marina

188
0

CETRARO (Cs) – Si terrà questa sera alle ore 20,30 presso il piazzale della Colonia S. Benedetto a Cetraro Marina la commedia in dialetto cetrarese dal titolo “alla Missa” ispirata alla poesia di Graziella Maritato, compianta poetessa cetrarese.

 A calcare la scena saranno gli studenti dell’Iis “Silvio Lopiano” per la regia di don Guido Quintieri e della professoressa Vilma GalloScenografia a cura degli allievi del liceo Artistico coordinati dai professori Salvatore Abbate e Agostino Zicca.

«Graziella Maritato ha rappresentato uno dei volti più belli della città di Cetraro attraverso versi indimenticabili e mai tramontati – fa sapere il dirigente scolastico dell’Iis Lopiano, Graziano Di Pasqua – I suoi personaggi, l’armonia delle sue poesie, i quadretti di vita paesana sono l’espressione più autentica dell’originalità di una donna che dal suo osservatorio speciale ci ha fatto assaporare luoghi, situazioni, detti antichi, storia e cronaca di un tempo ormai passato che attraverso i suoi versi rivive nel presente».

«I licei di Cetraro, sempre pronti a coltivare la memoria, presentano stasera un’opera teatrale in vernacolo ispirata proprio ad una delle poesie più originali di Graziella Maritato. Attraverso l’allestimento scenico ricordiamo la donna, la mamma, la moglie, la poetessa. Grazie mille al professor Rudi Angilica per la collaborazione alla regia con la consueta bravura e professionalità».

«Dopo mesi di preparazione e tanti sacrifici da parte dei ragazzi siamo pronti per presentarvi la nostra creatura – commenta don Guido Quintieri – Brillante commedia in vernacolo in un unico atto, ispirata alla poesia della compianta Graziella Maritato, “alla Missa”. Grazie al dirigente Graziano Di Pasqua che ha fortemente voluto e creduto nel progetto “Teatro in vernacolo”, grazie ai tanti ragazzi che si sono messi in gioco, ognuno con i propri talenti».

fiorellasquillaro@calabriainchieste.it

Articolo PrecedenteOver65 non autosufficienti, bando per l’assistenza a Trebisacce
Prossimo ArticoloGiulia colpita con almeno 37 coltellate, non ha neanche provato a difendersi