Home Cronache Botte all’ex compagna, il figlio di 6 anni aiuta la mamma consentendole...

Botte all’ex compagna, il figlio di 6 anni aiuta la mamma consentendole di fuggire

L'uomo la spingeva verso il muro, afferrandola dal collo e, dopo aver chiuso la porta a chiave, la trascinava nella cameretta dei bambini, continuando a percuoterla

41
0

REGGIO CALABRIA – La Polizia di Stato di Reggio Calabria ha effettuato un altro arresto in flagranza, dopo quello della mamma di tre figlie malmenata dal marito (https://www.calabriainchieste.it/2023/11/28/un-foglio-bianco-con-la-scritta-in-arancione-help-cosi-tre-bimbe-hanno-salvato-la-mamma/).

Sempre nel pomeriggio dello scorso 25 novembre, infatti, è stata eseguita una misura nei confronti di un 38enne responsabile del reato di maltrattamenti in famiglia, commesso in danno della compagna di 27 anni.

Nei fatti, sono giunte alla Sala Operativa della Questura due richieste di aiuto.

Nella prima, una sconosciuta riferiva di aver sentito urlare aiuto da una donna e nella seconda, una donna chiedeva l’intervento della Polizia di Stato perché era stata picchiata dal compagno.

Gli Agenti delle Volanti sono immediatamente intervenuti presso l’abitazione della richiedente e l’hanno trovata, in stato di agitazione, sul pianerottolo delle scale con i suoi due bambini in lacrime, il più piccolo di 2 anni in braccio, ed il più grande di 6 accanto.

La vittima ha raccontato al personale delle Volanti di essere stata aggredita poco prima dal compagno che aveva suonato al portone per farsi aprire e, una volta davanti alla porta dell’appartamento, la spingeva dentro afferrandola dal collo e, dopo aver chiuso la porta a chiave, la trascinava nella cameretta dei bambini, dove il figlio di 6 anni stava guardando la televisione, e continuava a percuoterla.

Solo dopo che il figlio si è frapposto tra il padre e la mamma, per aiutare quest’ultima, la donna riusciva a divincolarsi ed a raggiungere la porta di casa per urlare aiuto sul pianerottolo dello stabile e l’uomo si precipitava giù per le scale, allontanandosi subito dopo a bordo delle sua autovettura.

Dopo quanto denunciato dalla vittima, il personale delle Volanti e della Sala Operativa della Questura ha intrapreso un’incessante attività volta alla ricerca dell’uomo che ha avuto termine solo quando questo è stato rintracciato, a bordo della sua auto, nella zona sud della città.

La donna, in sede di denuncia ha raccontato diversi episodi di violenza subita per mano del suo compagno nel corso di diversi anni, nonché delle costrizioni fisiche e psicologiche che ha dovuto sopportare, tra cui forzati rapporti sessuali e l’allontanamento dai propri familiari ed amici e le minacce di non denunciare altrimenti le avrebbero tolto i bambini in quanto lei dipendeva economicamente da lui.

In ultimo, giorni fa, mentre la donna guardava in televisione un programma in cui si parlava della vicenda di Giulia Cecchetin, il compagno le ha detto che invece di guardare certe trasmissioni avrebbe dovuto pensare a quello che lei fa e che magari la prossima sarebbe stata lei.

L’uomo è stato arrestato nella flagranza del reato di maltrattamenti in famiglia ed è stato associato presso la locale Casa Circondariale.

Articolo PrecedenteUn foglio bianco con la scritta in arancione “Help”, così tre bimbe hanno salvato la mamma
Prossimo ArticoloIl sindaco fa rimuovere lo striscione contro la violenza sulle donne, è polemica