Home Calabria Sanità, Occhiuto nomina Miserendino nuovo commissario straordinario di Azienda Zero

Sanità, Occhiuto nomina Miserendino nuovo commissario straordinario di Azienda Zero

Nato a San Cataldo (Caltanissetta) nel 1976, laureato in Ingegneria informatica all’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

22
0

CATANZARO – Il presidente della Regione, Roberto Occhiuto, nella qualità di commissario ad acta per l’attuazione del Piano di rientro dal disavanzo del settore sanitario calabrese, ha nominato Gandolfo Miserendino nuovo commissario straordinario di Azienda Zero.

Nato a San Cataldo (Caltanissetta) nel 1976, laureato in Ingegneria informatica all’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, Miserendino è da giugno 2022 dirigente dell’area sanità del Dipartimento per la trasformazione digitale presso la Presidenza del Consiglio dei ministri.

Da ottobre 2018 è, inoltre, responsabile del servizio ICT, Tecnologie e Strutture sanitarie presso la Direzione generale cura della persona salute e welfare della Regione Emilia Romagna. Componente del tavolo nazionale del Nuovo Sistema Informativo Sanitario (NSIS) in ambito ICT.

È stato componente della Commissione del Ministero della Salute nella sezione digitalizzazione in ambito sanitario e componente del Comitato tecnico sanitario “Osservatorio nazionale sullo stato di attuazione dei programmi di adeguamento degli ospedali e sul funzionamento dei meccanismi di controllo a livello regionale e aziendale”.

“La squadra della sanità calabrese si rafforza ulteriormente con un’altra eccellenza nazionale”, afferma il presidente Roberto Occhiuto.

“Benvenuto e auguri a Gandolfo Miserendino, affinché possa continuare lo straordinario lavoro fatto da Giuseppe Profiti per Azienda Zero – traghettata in questi mesi da Vitaliano de Salazar – e contribuire al risanamento e al pieno funzionamento della sanità calabrese”.

Articolo PrecedenteMuore per strada a causa di un infarto: «I soccorsi arrivano in ritardo»
Prossimo Articolo‘Ndrangheta, Occhiuto: «Molto felice per ok governo a legge De Masi, sia modello per Paese»