Home Calabria Il «triste decadimento» del centro storico di San Lucido: Provenzano e Ambrosi...

Il «triste decadimento» del centro storico di San Lucido: Provenzano e Ambrosi all’attacco

E suoi «proclami» del Sindaco: «Dove sono finiti i progetti di recupero e rilancio tanto decantati durante e dopo la campagna elettorale?»

24
0
I consiglieri comunali Dorina Ambrosi e Roberta Provenzano

SAN LUCIDO (Cs) – Il «triste decadimento» dei luoghi storici sanlucidani è l’argomento oggetto di una insidiosa presa di posizione del gruppo politico di minoranza Avanti San Lucido, composto dai consiglieri comunali Roberta Provenzano e Dorina Ambrosi.

«Dove sono finiti i progetti di recupero e rilancio tanto decantati dal Sindaco durante e dopo la campagna elettorale?», è la secca impietosa domanda che i due consiglieri di opposizione si pongono e che, chiaramente, rivolgono al sindaco Cosimo De Tommaso.

E ciò anche e soprattutto alla luce dei continui blackout registrati in passato nell’antico borgo che hanno causato non pochi disagi ai residenti.

«Lo avevamo detto e scritto – spiegano Provenzano e Ambrosi in una nota – dopo il degrado in cui vivono le nostre periferie (con i nostri concittadini che non possono uscire di casa se le precipitazioni diventano più consistenti: https://www.calabriainchieste.it/2023/12/10/mancata-manutenzione-e-pulizia-dei-canali-di-scolo-a-san-lucido-allagamenti-danni-disagi-video/), oggi vogliamo accendere i riflettori sullo stato di incuria e di abbandono in cui versa il nostro centro storico, una situazione che non ci lascia affatto tranquilli.

Le innumerevoli segnalazioni dei cittadini sanlucidani, le foto inviate per denunciare il triste decadimento dei luoghi storici del nostro borgo lasciati al buio per mesi – attaccano i due consiglieri – ci restituiscono un racconto diverso da quello che vorrebbe propinarci per fini propagandistici la maggioranza a guida De Tommaso».

Ed in merito ai «proclami» della maggioranza, aggiungono: «I dati ci consegnano altri numeri, cioè un paese che di internazionale ha ben poco! E non vuole essere una (pur facile) battuta. Purtroppo è la constatazione della triste realtà.

I nostri appelli, le nostre censure, cadono sistematicamente nel vuoto e cozzano con il silenzio assordante di una maggioranza – e non solo! – che continua a nascondersi dietro evanescenti e fumosi proclami.

Lo abbiamo scritto e ribadito: il tempo delle chiacchiere è finito. La nostra San Lucido merita un’attenzione che evidentemente amministratori distratti non riescono a garantirle.

Servono misure specifiche che prendano il posto dell’improvvisazione e dell’approssimazione. E’ arrivato il momento che la maggioranza, di cui si è persa voce e presenza politica, dia risposte concrete alla cittadinanza».

Ed infine promettono: «Ritorneremo sull’argomento con iniziative specifiche e campagna di sensibilizzazione

Una via del centro
Articolo PrecedenteBullizzavano uno studente affetto da lieve ritardo di apprendimento: denunciati due giovani
Prossimo ArticoloAssenteismo, sequestrati 93mila euro a un operaio di Calabria Verde: 4 indagati