Il materiale sequestrato

Arrestato un quarantasettenne nella disponibilità del quale gli agenti della Polizia di Stato hanno rinvenuto circa 140 grammi di marijuana, 35 grammi di eroina, una cartuccia 9×21 e diverso materiale atto alla pesatura e confezionamento dello stupefacente.

È il risultato conseguito dagli agenti della Squadra Mobile di Vibo Valentia e del Commissariato di P.S. di Lamezia Terme impiegati nell’ambito di mirati servizi dedicati al contrasto al traffico di sostanze stupefacenti e psicotrope, svoltisi nella giornata del 17 gennaio.

I servizi hanno interessato una zona confinaria tra le province di Vibo Valentia e Catanzaro dispiegandosi in un capillare pattugliamento delle arterie stradali a cavallo tra i due capoluoghi.

È così che gli agenti hanno notato un’autovettura con a bordo un uomo che, resosi conto della presenza delle Forze dell’Ordine, ha da subito assunto un comportamento non compatibile con l’ordinaria conduzione di un veicolo, finendo per lanciare qualcosa dal finestrino. L’uomo è stato, quindi, immediatamente fermato, recuperando contestualmente ciò di cui lo stesso aveva tentato invano, un attimo prima, farsi: ossia una busta in plastica contenente all’interno circa 35 grammi di eroina suddivisa in 10 involucri, pronti per la successiva vendita al dettaglio.

Il quarantasettenne è stato conseguentemente sottoposto a perquisizione personale e domiciliare all’esito della quale, all’interno della sua abitazione e relative pertinenze, sono stati rinvenuti ulteriori dosi e involucri contenenti sostanza stupefacente del tipo marijuana, per un peso complessivo di oltre 140 grammi, unitamente a due bilancini di precisione e ad una cartuccia calibro 9 x 21, utilizzabile quindi con armi da fuoco corte e facilmente occultabili, pertanto particolarmente insidiose.

Infine, custoditi in due distinti punti dell’abitazione, anche nelle vicinanze della stessa sostanza stupefacente, sono stati rinvenuti 8.530,00 euro suddivisi in banconote di piccolo taglio, ragionevole provento dell’attività delittuosa posto che l’uomo non è risultato svolgere alcun tipo di attività lavorativa.

Sulla scorta di quanto emerso dall’attività di polizia giudiziaria, sotto il
coordinamento della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lamezia
Terme, l’uomo è stato tratto in arresto in flagranza di reato e posto a
disposizione dell’Autorità Giudizi

In data 19 gennaio, all’esito dell’udienza di convalida dell’arresto, il G.1.P. presso il Tribunale di Lamezia Terme ha convalidato la misura precautelare, applicando all’uomo gli arresti domiciliari.

 

Articolo PrecedenteA Palazzo San Giorgio il sindaco Falcomatà a confronto con gli Amministratori del Comune di Villa San Giovanni
Prossimo ArticoloIl Tribunale del Riesame scarcera l’accoltellatore cetrarese Andrea Andreoli