Home Calabria “Impariamo a conoscere l’olio d’oliva”, progetto per le scuole di San Vincenzo...

“Impariamo a conoscere l’olio d’oliva”, progetto per le scuole di San Vincenzo La Costa

Una giornata dedicata alla valorizzazione delle eccellenze calabresi, ricca di momenti di riflessione e di confronto

10
0

SAN VINCENZO LA COSTA (Cs) – Il Comune di San Vincenzo La Costa ed il Consorzio Igp dell’olio di Calabria insieme per un progetto con le scuole di primo grado del luogo. “Impariamo a conoscere l’olio di oliva”, è il leitmotiv dell’iniziativa.

L’evento è stato molto partecipato ed ha visto la presenza di Thomas Vatrano, agronomo e assaggiatore professionista di olio d’oliva che ha intrattenuto i ragazzi in un percorso sensoriale dedicato al prezioso “oro verde”.

Una giornata dedicata alla valorizzazione delle eccellenze calabresi, ricca di momenti di riflessione e di confronto, in cui i “giovani aspiranti” si sono cimentati con la tecnica di assaggio, imparando così l’importanza nel riconoscere gli attributi positivi che un olio extravergine di oliva deve possedere.

Durante l’evento, il Presidente del Consorzio Igp, Massimino Magliocchi, ha messo in risalto le origini antiche dell’olivicoltura calabrese ma anche l’impegno quotidiano del Consorzio per la valorizzazione delle cultivar calabresi, prezioso patrimonio da tutelare.

L’evento si è concluso con un “premio enogastronomico” per tutti i partecipanti, pane e olio extravergine di oliva, una “merenda” antica ma tuttora valida, a testimonianza del cibo sano, che tra l’altro è stata ampiamente gradita da tutti i giovani partecipanti.

«Siamo sempre più convinti che la strada intrapresa sia quella giusta. Qualità e conoscenza sono i fattori che, più di altri, incidono sulle scelte dei consumatori. Ancora di più con le scuole e con gli studenti che, da subito, iniziano a capire l’importanza di tale prospettiva», ha rimarcato proprio il presidente Magliocchi.

Articolo PrecedenteProseguono gli interventi migliorativi sullo stadio Granillo di Reggio Calabria
Prossimo ArticoloStraface difende Occhiuto: «Il tempo della sanità degli sprechi e dei privilegi è finita»