Home Calabria L’ex consigliere Attanasio ribatte al vicesindaco e denuncia immobilismo al Comune di...

L’ex consigliere Attanasio ribatte al vicesindaco e denuncia immobilismo al Comune di Longobardi

«In questi quasi cinque anni di amministrazione, oltre alla strada Sant’Andrea-Rossimano, l’unico intervento completato è quello relativo al Parco Avventura»

18
0
il Comune di Longobardi

LONGOBARDI (Cs) – L’ex consigliere comunale di minoranza Donatella Attanasio replica al vicesindaco di Longobardi che, proprio ieri, su queste colonne, difendeva l’operato dell’amministrazione comunale, con particolare riferimento alle accuse di spreco di denaro pubblico in relazione alla pubblica illuminazione accesa in pieno giorno  (https://www.calabriainchieste.it/2024/02/06/il-vicesindaco-replica-allex-consigliere-luci-accese-in-pieno-giorno-manutenzione-in-corso/).

Ecco la replica di merito dell’avvocato Attanasio al collega avvocato Antonio Costabile, vicesindaco in carica:

«Da portavoce di tutti i cittadini che mi hanno inviato le loro segnalazioni sui disservizi presenti nel Comune di Longobardi, mi vedo costretta, mio malgrado, a dover replicare al Vice Sindaco del Comune di Longobardi, che, solo al fine di attaccare la sottoscritta, ricorda finalmente di dare spiegazioni ai Longobardesi sullo spreco di energia pubblica.

Lo spirito che ha mosso il mio agire nei, pur pochi, articoli che ho scritto sull’attuale amministrazione comunale di Longobardi, è strettamente correlato al bene che nutro nei confronti del mio paese natale, che vorrei migliorasse e crescesse, e che, invece, sono costretta a vedere alla deriva e completamente decaduto.

Ancor più, ho sempre sostenuto che la tutela del bene comune dovesse prevalere sugli interessi dei singoli, ed ancor di più ho sempre pensato che prima del proprio ruolo di amministratore debba venire lo spirito di servizio verso i cittadini.

Non abbiamo pensato o parlato di sassolini, come pur lamenta il Vice Sindaco, abbiamo semplicemente sottolineato di essere ancora, purtroppo, in attesa del buon grano di cui parla e di cui non vi è traccia nel lavoro svolto dall’attuale compagine amministrativa.

L’annichilimento ed il torpore politico dei componenti sia della maggioranza che dei consiglieri di minoranza all’interno del Consiglio Comunale, per il quale a parere di chi scrive, ha mostrato la totale assenza di un’incisiva attività sia di indirizzo che di controllo, ed un preoccupante appiattimento acritico rispetto alle scelte politiche della maggioranza.

Andando al merito, prendiamo atto che con determina n. 14 del 10.01.2024 è stato affidato, per cinque mesi, il servizio di manutenzione ordinaria della pubblica Illuminazione, ad una Ditta locale del territorio, per l’irrisoria cifra appaltata di circa euro 6.000,00.

La circostanza che lascia indiscutibilmente perplessi è che la suddetta Ditta effettui i lavori nei giorni prefestivi e festivi, atteso che la foto è stata scattata nella giornata di domenica 4 febbraio 2024 nelle ore pomeridiane, ed in quel momento sui luoghi in cui è stata scattata, ovvero loc. Tarife-Salice, non era presente nessuna ditta addetta ai lavori e soprattutto nessun operaio! (https://www.calabriainchieste.it/2024/02/06/il-vicesindaco-replica-allex-consigliere-luci-accese-in-pieno-giorno-manutenzione-in-corso/)

Quanto poi al recupero del finanziamento per eventi estivi descritto dal Vice Sindaco, sono lieta di sapere che a seguito della circostanza segnalata tramite il mio articolo non si sia perso un finanziamento che questa amministrazione aveva messo seriamente a rischio, dimenticando evidentemente le modalità di presentazione delle richieste di finanziamento.

A questo punto, ci piacerebbe altresì capire come sono stati spesi questi soldi, vista la deludente stagione estiva che ha vissuto Longobardi lo scorso anno 2023, mantenendosi in linea con tutti gli altri anni a guida dal Sindaco Giacinto Mannarino! (https://www.calabriainchieste.it/2023/06/17/stagione-estiva-alle-porte-longobardi-ancora-senza-programmazione/).

Ed ancora, proprio perché tanti cittadini sollecitano verità e chiarezza, invito il Vicesindaco a spiegare il perché questa amministrazione consente ai privati di vendere cappelle cimiteriali e decide di realizzare la strada Sant’Andrea-Rossimano, il cui costo è stato pari a circa euro 450.000,00, ed i cui benefici vengono goduti da poche famiglie Longobardesi, ma soprattutto non apporta nessuna vera concreta utilità al paese, atteso che non si collega a nessuna arteria principale.

Forse sarebbe stato meglio spendere parte di questi soldi per ripristinare le strade del nostro territorio completamente abbandonate al loro destino da anni, piene di buche ed avvallamenti.

In questi quasi cinque anni di amministrazione, oltre a tale strada, l’unico intervento completato è quello relativo al Parco Avventura, di cui ancora si attende l’affidamento della gestione.

Da semplice cittadina, prima ancora che da ex consigliera comunale, tengo al mio paese di origine e non mi appiattirò mai sull’assenza di spirito critico e di interesse per il bene comune che, ormai da troppo tempo avvolge questo paese e ne frena, a mio avviso, il suo sviluppo economico,politico e sociale, e di questo, più di uno, dovrà farsene una ragione».

Articolo PrecedenteProvocò la morte di un ciclista, chiesto il rinvio a giudizio per una 47enne di Amantea
Prossimo ArticoloOmissione di atti d’ufficio: prosciolto l’ex sindaco di Mendicino, Antonio Palermo