Home Calabria Antonomia Differenziata, Minasi a Succurro: «Chi contrasta il Ddl non lo ha...

Antonomia Differenziata, Minasi a Succurro: «Chi contrasta il Ddl non lo ha compreso o teme di non essere all’altezza»

«Invito Rosaria Succurro e chiunque dissenta dal progetto a confrontarci per chiarire ogni dubbio ed esitazione»

11
0

COSENZA – «Dispiace molto vedere un’esponente della maggioranza, che ha votato convintamente in Parlamento la riforma sull’autonomia differenziata, contrapporsi a questa importante scelta e cavalcare l’onda della disinformazione, offrendo spunti di strumentalizzazione all’opposizione.

Non so quali siano i motivi che spingono la Presidente di Anci Calabria, Rosaria Succurro, a ergersi a capo della mobilitazione dei Comuni contro il ddl Calderoli, ma sento di doverla invitare a capire meglio il disegno di legge contro il quale si sta schierando, in contrapposizione anche al suo stesso partito, e per questo la invito a incontrarci per discuterne.

Le barricate, nella sua posizione, sono davvero inconcepibili e non vorrei nascondessero altri intenti, di propaganda elettorale, più che di reale interesse per i cittadini».

Inizia così una nota della Senatrice reggina della Lega, Tilde Minasi, che risponde alla Presidente dell’Anci Calabria Succurro, promotrice di un’iniziativa con la quale si  intende esprimere dissenso sulla riforma relativa all’autonomia differenziata appena approvata in Senato.

«Quello che si fa finta di non voler capire – dice la Senatrice – è che si tratta, intanto, di una legge quadro, che dunque va riempita di contenuti, su cui chiaramente tutti siamo chiamati a esprimerci e a vigilare.

Il ddl, cioè, segna un percorso che, come ho più volte avuto modo di spiegare, era stato già deciso venti anni fa dalla sinistra, dall’attuale Pd, allora con D’Alema, che ha modificato la Costituzione inserendo la norma sull’autonomia differenziata.

Il Parlamento e il Governo non stanno, dunque, che attuando la Costituzione stessa – torna a precisare Minasi – così com’è necessario fare, tanto più che l’iter di richiesta dell’autonomia è già stato attivato da alcune Regioni del centro-Nord, dunque è un percorso segnato, da cui non si può rimanere tagliati fuori.

Detto questo – prosegue – ribadisco che abbiamo tutti la possibilità di conformare questo percorso sulle nostre esigenze e peculiarità e che è davvero sciocco continuare ad agitare lo spauracchio di una parte politica, la Lega, che vorrebbe avvantaggiare il Settentrione a danno del Meridione d’Italia. 

E’ falso, ed è sotto gli occhi di tutti che sia così. 

La Lega – dice ancora la Senatrice – non è più quella di tanti anni fa, è un partito che guarda ai territori e li amministra benissimo. Anche quelli del Sud, che sono anzi al centro dell’attenzione del partito, a cominciare dal leader Matteo Salvini, che da Ministro sta impegnando svariati miliardi di euro per le Infrastrutture meridionali, in primis della Calabria.

Autonomia differenziata – sottolinea Minasi – vuol dire, dunque, opportunità e non danno. Vuol dire occasione di crescita e di sviluppo, puntando sui propri punti di forza e responsabilizzandosi sui punti deboli.

Credo che chi si contrappone a questo percorso, nella veste di Amministratore, lo faccia solo per paura, dell’ignoto o di non essere all’altezza del compito. 

Ecco perché invito Rosaria Succurro e chiunque dissenta dal progetto – conclude la Senatrice – a confrontarci per chiarire ogni dubbio ed esitazione». 

Articolo PrecedenteAlta velocità: sindaco di Paola invita parlamentari, sindaci, consiglieri regionali e provinciali
Prossimo ArticoloAutonomia differenziata, chiesta convocazione Consiglio provinciale di Cosenza