Home Calabria Milano-Cortina: Meloni riceverà il 15enne catanzarese tra gli ideatori della mascotte

Milano-Cortina: Meloni riceverà il 15enne catanzarese tra gli ideatori della mascotte

Mascotte realizzata da Federico, ex alunno della scuola di Taverna, insieme ai coetanei Aurora Munizza, Sara Godino, Tommaso Pascuzzi e Francesco Angotti

8
0

ROMA – Sarà ricevuto domani a mezzogiorno, a Palazzo Chigi, dalla presidente del Consiglio Giorgia Meloni, Federico, ex alunno dell’Istituto comprensivo di Taverna, in provincia di Catanzaro, ideatore, insieme ai coetanei Aurora Munizza, Sara Godino, Tommaso Pascuzzi e Francesco Angotti, del soggetto scelto per la mascotte dei giochi Olimpici e Paralimpici invernali di Milano-Cortina 2026.

I due ermellini, Tina e Milo, diminutivi delle due città che ospiteranno i Giochi, pensati dagli ideatori come simboli di apertura e integrazione, ideati dagli studenti calabresi nell’anno scolastico 2021-2022, sono stati presentati ieri sul palco dell’Ariston da Federico e da Amadeus nel corso della seconda serata del 74mo Festival della Canzone italiana di Sanremo.

Federico, 15 anni, studente al secondo anno del liceo scientifico “Siciliani” di Catanzaro, contattato dall’ANSA, è accanto alla madre, Rosamaria Parrotta. É ancora molto emozionato per le sensazione che ha vissuto ieri sera.

«É stata un’esperienza straordinaria e molto coinvolgente – dice – essere lì, sul palco dell’Ariston con Amadeus, davanti a milioni di telespettatori. Non riesco nemmeno a trovare le parole per raccontare quello che si prova».

Il conduttore del festival, presentando Federico, ha parlato di un ragazzo “forte e agguerrito“. Mentre il sedicenne ha sottolineato “l’importanza del gioco di squadra”.

Il bozzetto dei due ermellini, impostosi con il 53% dei consensi nel sondaggio lanciato nell’ambito del concorso di idee “la Scuola per la mascotte di Milano Cortina 2026”, sarà affiancato dall’altro disegno costituito dalla coppia di fiori, un bucaneve e una stella alpina, realizzato dagli studenti dell’Istituto comprensivo “Sabin” di Segrate (Milano).

“Prima di andare a Sanremo – aggiunge Federico – siamo stati nella sede del Comitato Milano Cortina a Milano assieme al presidente del Coni, Giovani Malagò, e a tutto lo staff. Davvero qualcosa di inatteso ed inimmaginabile». (Ansa)

Articolo PrecedenteGli auguri al riconfermato presidente Mancuso dal segretario provinciale di “Azione” di Catanzaro
Prossimo ArticoloStop a prenotazioni risonanza magnetica per carenza medici: s’attiva “Noi Moderati Donne”