Home Attualità Muore a 12 anni dopo essere stato dimesso dall’ospedale Regina Margherita di...

Muore a 12 anni dopo essere stato dimesso dall’ospedale Regina Margherita di Torino

Il 12enne Andrea Vincenzi, visitato al pronto soccorso dell'ospedale di Chivasso (Torino) per una sospetta polmonite, era stato dimesso

52
0
Unità operatica complessa di un ospedale pubblico

TORINO – Un ragazzo di 12 anni, Andrea Vincenzi, è morto nella tarda serata di ieri all’ospedale Regina Margherita di Torino, dov’è arrivato in arresto cardiaco.

Nelle ore precedenti, secondo quanto ricostruito dopo il decesso, era stato visitato al pronto soccorso dell’ospedale di Chivasso (Torino) per una sospetta polmonite e successivamente dimesso.

Le sue condizioni si sono però rapidamente aggravate. Sul caso verrà probabilmente aperta un’inchiesta. Nel frattempo i medici del Regina Margherita hanno disposto l’esame necroscopico della salma.

Calciatore degli Esordienti della società Usd Gassino-San Raffaele, il dodicenne viveva a Castiglione Torinese con la famiglia.

“Il Gassino San Raffaele, nella figura di tutto il consiglio direttivo – scrive in una nota la società sportiva – si stringe con forza intorno ai genitori di Andrea, nostro giovanissimo atleta classe 2011, che è prematuramente e improvvisamente scomparso questa notte. La tragedia ci ha colpiti profondamente, lasciando in tutti noi un profondo dolore e sgomento”.

“L’Azienda esprime grande vicinanza alla famiglia e informa che ha immediatamente attivato le dovute verifiche interne“.

Così l’Asl To4 in merito al decesso del 12enne Andrea Vincenzi, visitato al pronto soccorso dell’ospedale di Chivasso (Torino) per una sospetta polmonite e dimesso. Il ragazzino è poi deceduto alcune ore dopo all’ospedale Regina Margherita di Torino.

“Anche se tali verifiche prevedono qualche giorno di valutazione – aggiungono dall’Asl To4 – da una prima analisi risulta che siano stati effettuati gli accertamenti necessari e siano stati correttamente seguiti i protocolli previsti“. (Ansa)

Articolo PrecedenteFuturo candidato a sindaco di Crotone si appella al governatore De Luca: «Italia a Napoli»
Prossimo ArticoloI consigli anti-truffa dei Carabinieri agli anziani a Roccella Jonica