Home Calabria Il Comune di San Lucido cerca un nuovo gestore per la casa...

Il Comune di San Lucido cerca un nuovo gestore per la casa di riposo “ex Onpi”

Canone annuo stimato in 60.000 euro. I soggetti concorrenti non devono avere debiti né liti pendenti nei confronti del Municipio

45
0
L'ex Onpi di San Lucido

SAN LUCIDO (Cs) – Il Comune di San Lucido ha pubblicato il bando di gara, a procedura telematica aperta, per l’affidamento in gestione della casa di riposo “ex Onpi”.

Il servizio consiste nella complessiva gestione funzionale ed economica, compresa la riscossione delle rette, della casa di riposo. L’esecuzione delle prestazioni deve avvenire nel rispetto della normativa in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro

La concessione avrà la durata di tre anni, decorrenti dalla sottoscrizione del verbale di avvio dell’attività, non rinnovabile tacitamente. Potrà essere rinnovata per ulteriori due anni, a condizione che venga riscontrata la piena osservanza del concessionario, durante tutto il periodo del contratto originario, delle clausole contenute nel capitolato speciale di appalto e l’assenza di gravi inadempienze o contenzioso tra le parti.

L’aggiudicatario deve garantire l’avvio dell’esecuzione della concessione, anche nelle more della sottoscrizione del contratto.

Il valore presunto stimato per l’intera durata della concessione è di 180.000 euro corrispondente al canone annuo stimato in 60.000 euro che, rideterminato a seguito di offerta al rialzo in sede di gara,  che il concessionario dovrà pagare al Comune di San Lucido in rate mensili di pari importo.

Il corrispettivo previsto a favore del concessionario per la gestione del servizio è dato dalle rette a carico degli ospiti della casa di riposo che saranno riscosse direttamente dallo stesso.

Il concorrente, impresa singola o r.t.i./consorzio, tra i requisiti specifici richiesti, nel triennio precedente la data di pubblicazione del bando (2021 – 2022 – 2023) deve aver conseguito un fatturato totale negli ultimi tre esercizi antecedenti alla pubblicazione del bando di gara al netto di iva non inferiore a 180.000 euro; deve aver realizzato servizi di tipo socio sanitario (gestione rsa, residenze protette, casa di riposo), svolti in convenzione con enti pubblici con un fatturato complessivo non inferiore a o 500.000 euro.

In caso di rti i requisiti sono cumulabili in capo al raggruppamento fermo restando che l’impresa capogruppo dovrà essere in possesso di almeno il 60% di ciascun requisito. L’attrezzatura necessaria, compresi gli arredi utili al funzionamento dell’attività, sono a carico del concorrente, senza scomputo dai canoni.

I soggetti concorrenti non devono avere debiti né liti pendenti nei confronti del Comune né trovarsi in posizione di inadempimento per morosità o in altra situazione di irregolarità, in relazione al godimento di beni comunali.

L’appalto sarà aggiudicato in base al criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa individuata sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo.

La documentazione e l’offerta dovranno pervenire al Comune di San Lucido entro le ore 12:00 dell’8 aprile 2024, presentate esclusivamente attraverso la piattaforma MEPA.

fiorellasquillaro@calabriainchieste.it

Articolo Precedente“Avanti San Lucido”: «Ridurre le aliquote Imu e Irpef per i cittadini meno abbienti»
Prossimo ArticoloLa consigliera Di Tanna plaude al coraggio del capogruppo di maggioranza, Suriano