Home Calabria Rilascio passaporti in tempi più rapidi alla Questura di Catanzaro 

Rilascio passaporti in tempi più rapidi alla Questura di Catanzaro 

Iniziative volte a rendere più celere il rilascio del documento con un ampliamento degli orari di apertura e un incremento del personale addetto agli uffici di Catanzaro e di Lamezia

25
0

CATANZARO – Per migliorare il servizio all’utenza ed agevolare il cittadino nello svolgimento degli adempimenti correlati al rilascio del Passaporto, la Questura di Catanzaro ha adottato una serie di iniziative volte a rendere più celere il rilascio dello stesso con un ampliamento degli orari di apertura ed un incremento del personale addetto all’Ufficio Passaporti di Catanzaro e di Lamezia Terme.

La richiesta di passaporto è effettuata accedendo ad “Agenda passaporto”, il servizio online realizzato dalla Polizia di Stato che, consente di scegliere il giorno e l’ora dell’appuntamento.

La piattaforma Agenda online, già in uso per la prenotazione da remoto, è stata implementata con un ulteriore planner denominato Agenda prioritaria, un nuovo canale di prenotazioni utilizzabile da coloro che hanno la necessità documentata di partire entro trenta giorni per motivi di lavoro, salute, studio o turismo e non hanno trovato una data utile per presentare l’istanza attraverso l’Agenda ordinaria.

Inoltre, oltre ad aver implementato il numero complessivo degli appuntamenti disponibili, sono aumentate anche le giornate di apertura al pubblico degli sportelli.

In particolare, l’Ufficio Passaporti della Questura di Catanzaro, e quello del Commissariato di Lamezia Terme saranno aperti anche nel pomeriggio, rispettivamente nelle giornate di mercoledì e giovedì.

La Questura di Catanzaro ha altresì predisposto l’impiego del personale dell’Associazione Nazionale Polizia di Stato – A.N.P.S. di Catanzaro, per fornire informazioni utili e curare l’accoglienza dell’utenza.

Articolo PrecedenteContrasto all’abusivismo pubblicitario, blitz della Polizia locale catanzarese
Prossimo ArticoloIl cane avvelenato sarà cremato dal Comune. L’assessore Belcaro: «Vuole essere simbolo di una città che ama gli animali»