Home Attualità Tre 20enni si filmano mentre picchiano vigilante e accoltellano coetaneo

Tre 20enni si filmano mentre picchiano vigilante e accoltellano coetaneo

Quattro trapper ventenni sono stati arrestati dagli agenti della Polizia locale di Milano e un quinto è stato denunciato con l'accusa di tentato omicidio aggravato in concorso, lesioni, resistenza a pubblico ufficiale e porto illegale di arma da taglio per due aggressioni

239
0
Trepper arrestati nel 2022 per una vicenda analoga

Quattro trapper ventenni sono stati arrestati dagli agenti della Polizia locale di Milano e un quinto è stato denunciato con l’accusa di tentato omicidio aggravato in concorso, lesioni, resistenza a pubblico ufficiale e porto illegale di arma da taglio per due aggressioni avvenute nella stessa notte, il 5 marzo 2022. Da lì erano partite le indagini.

Nel primo caso i quattro hanno gettato a terra e preso a calci e pugni una guardia giurata che aveva chiesto loro di uscire dal McDonald’s della Stazione centrale, provocandogli la frattura di diverse costole.

Poi i giovani si erano spostati in piazza Leonardo da Vinci dove se l’erano presa con due loro coetanei. Uno «colpevole» di averli salutati è stato accoltellato quattro volte, mentre l’amico che ha tentato di soccorrerlo è stato buttato a terra e picchiato. Entrambi sono stati portati in ospedale, l’accoltellato è in pericolo di vita.

I quattro trapper avevano anche fatto un video dell’aggressione al McDonald’s, poi postata su un canale Telegram. E questo, insieme alle immagini delle telecamere di sicurezza, ha aiutato l’unità operativa di polizia locale ad identificarli nelle indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Milano – 7 dipartimento e ad accertare esattamente cosa sia successo.

Tenendo conto della loro pericolosità sociale, chiara nei video postati sui social in cui esaltano violenza e uso di droghe, con armi in mano e passamontagna mentre cantano trap, il gip ha emesso per loro una ordinanza di custodia in carcere. Si tratta di un ventitreenne e un ventunenne italiani, un ventunenne egiziano e un ventenne di origine marocchina.

Articolo PrecedenteStilista impiccata, il pm presenta ricorso: “fu femminicidio”
Prossimo ArticoloRecovery Sud, inascoltate le istanze dei 200 sindaci