Home Calabria L’Unical investe 600mila euro nella ricerca socio-umanistica

L’Unical investe 600mila euro nella ricerca socio-umanistica

Il rettore Leone: «Puntiamo sui giovani ricercatori e sui progetti interdisciplinari». Il sostegno dell’area umanistica ha dato già i suoi frutti. Alcuni giovani ricercatori, vincitori di prestigiosi bandi internazionali, lavoreranno in Calabria

149
0

L’Università della Calabria investe ancora sulla ricerca socio-umanistica: dopo aver finanziato i primi cinque progetti, impegnerà nuove risorse per il prossimo triennio, ammontanti a 600mila euro.

Nuova linfa economica, dunque, per il fondo speciale d’ateneo con cui l’Unical sostiene i progetti di ricerca proposti da docenti e ricercatori dell’ambito socio-umanistico. L’azione costituisce uno dei punti del programma del rettore Nicola Leone, che ha inteso rispondere a un’esigenza fondata sulla constatazione che gli studiosi delle aree socio-umanistiche fanno più fatica a intercettare risorse per sostenere la propria ricerca, anche per via del minore interesse del mondo industriale e della bassa disponibilità di finanziamenti per questi settori.

L’Unical è riuscita ad ottenere questi fondi grazie alla vincita di un progetto finanziato dal Ministero dell’università e della ricerca, nell’ambito delle iniziative di ricerca interdisciplinare su temi di rilevo trasversale per il Pnrr.

«Tengo particolarmente a favorire la nascita di progetti di ricerca in area socio umanistica – ha dichiarato il rettore Nicola Leone – che coinvolgono anche altri settori, perché la tradizione della multisciplinarità, storicamente, è sempre stata un fiore all’occhiello del nostro ateneo. Oggi è evidente che le sfide globali, così come le ricerche più innovative, necessitano di un dialogo costruttivo tra le scienze tecnologiche e le scienze umane e sociali. E in questo campo ritengo che il nostro ateneo possa diventare un grande laboratorio. Per questo motivo per l’accesso al Fondo speciale, si prenderanno in considerazione progetti di natura socio umanistica che mettano insieme anche gruppi di ricerca interdisciplinari e interdipartimentali. E daremo priorità alle proposte coordinate dai ricercatori più giovani».

Il fondo speciale, istituito a marzo 2021, è finalizzato al sostegno dei progetti d’ambito socio-umanistico proposti da docenti e ricercatori dell’Unical, ed è stato inizialmente avviato con un budget di 150mila euro. È destinato, in particolare, al supporto e allo sviluppo di programmi e progetti di ricerca applicata che abbiano come campo d’interesse la storia e il patrimonio culturale delle aree del Mediterraneo, del Mezzogiorno e della Calabria, che siano finalizzati a sviluppare modelli e strumenti a supporto delle decisioni pubbliche nel campo della cultura, che propongano azioni e misure in grado di rispondere alla crescente disuguaglianza economica-sociale.

I primi risultati importanti. Il sostegno dell’area umanistica, voluto sin dall’inizio del mandato dal rettore Leone mettendo anche in campo attività di formazione e accompagnamento alla presentazione di proposte di ricerca, ha dato già i suoi frutti. Alcuni giovani ricercatori, vincitori di prestigiosi bandi internazionali, lavoreranno all’Unical. Si tratta del vincitore della call “Marie Skłodowska-Curie Individual Fellowships”, Christian Ferlaino che ha scelto il dipartimento di Studi umanistici per il suo progetto di indagine etnomusicologica, Marino De Luca, vincitore del bando Marie Skłodowska-Curie Actions (Msca), che lavorerà presso il dipartimento di Culture, educazione e società, con un progetto che si propone di analizzare lo sviluppo delle teorie cospirazioniste attraverso il fenomeno delle ‘fake news’. Mario Coscarello è invece risultato vincitore della call Marie Skłodowska-Curie Individual Fellowships, lavorerà nel dipartimento di Scienze Politiche e Sociali con una ricerca che si propone come obiettivo un’analisi quali-quantitativa degli incubatori di impresa in Europa e America Latina, per contribuire alla realizzazione di un’economia più sociale e solidale.

Inoltre, è notizia di pochi giorni fa, il professore Christian Vassallo, del dipartimento di Culture, educazione e società, ha portato all’Unical il primo Consolidator Grant, finanziato dal Consiglio europeo della ricerca (Erc), con un progetto sui temi della filosofia antica.

Articolo PrecedenteAzienda offre 2mila euro al mese, ma non trova autisti  
Prossimo Articolo“Verso un Museo del Futuro”, presente anche Sibari