Home Calabria Emodinamica, qualcosa si muove: Di Natale “moderatamente soddisfatto”

Emodinamica, qualcosa si muove: Di Natale “moderatamente soddisfatto”

"Diamo vita al comitato popolare per la difesa della salute pubblica. Auspico adesioni da parte di tutto il Tirreno Cosentino"

163
0
L'ex consigliere regionale Graziano Di Natale

PAOLA – “Prendo atto, con moderata soddisfazione, che con delibera – numero 180 – del commissario dell’Asp di Cosenza, in data 3 febbraio sono stati autorizzati i lavori propedeutici all’installazione del nuovo angiografo fisso per l’area di Emodinamica presso il reparto di Cardiologia dell’ospedale di Paola, oltre al fatidico via libera per il completamento degli arredi sanitari. È una notizia che lascia ben sperare, ma serve produrre il massimo sforzo affinché non si perda ulteriore tempo”.

Lo afferma Graziano Di Natale, già consigliere regionale della Calabria e promotore dell’istituzione del servizio di Emodinamica pubblica sul Tirreno Cosentino.

“Adesso – prosegue il firmatario della mozione numero 61 dell’8 febbraio 2021 – occorre accelerare. A rischio di esser ripetitivo, ritengo il servizio pubblico dell’emodinamica una battaglia di civiltà che salverà vite umane. È impensabile che il litorale tirrenico non possa fruire di un servizio pubblico così importante”.

L’esponente politico del Partito Democratico rinnova il proprio impegno e lancia l’appello: “Diamo vita al comitato popolare per la difesa della salute pubblica. Auspico adesioni da parte di tutto il Tirreno Cosentino. Chiunque voglia reclamare un proprio diritto deve farne parte. Partirà una raccolta adesioni. In programma anche una conferenza stampa. Certamente  – conclude – garantire il servizio emodinamico dovrebbe essere normalità, ma in Calabria aprire un reparto ha la parvenza di qualcosa di straordinario, come camminare sulla luna. Non molliamo e andiamo avanti”.

Articolo PrecedenteSeguita da casa fino al lavoro e violentata: arrestato un 35enne
Prossimo ArticoloA Biella 28 agenti di polizia penitenziaria indagati per tortura