Home Cultura Rassegna letteraria itinerante per il mese dedicato alla donna

Rassegna letteraria itinerante per il mese dedicato alla donna

Quattro tappe dislocate in quattro località differenti: Tortora, Praia a Mare, Scalea e Diamante

129
0

ALTO TIRRENO – Una rassegna letteraria itinerante, ideata dall’associazione “Artemisia Gentileschi” per il mese dedicato alla donna, scandirà temporalmente le quattro domeniche di marzo, permettendo una sensibilizzazione e diffusione capillare delle iniziative previste, al fine di dare un senso a questa circostanza. Si tratta di quattro differenti presentazioni di scrittrici e di donne. Quattro tappe dislocate in quattro località differenti: Tortora, Praia a Mare, Scalea e Diamante.

Marzo è, infatti, il mese dedicato alla donna e quest’anno l’associazione Artemisia Gentileschi ha deciso di festeggiarlo in maniera differente, per riflettere sull’importanza della donna nel contesto educativo, letterario e sociale.

Aprirà la rassegna la dottoressa Maria Teresa Greco- Sociologa e criminologa– domenica 5 marzo a partire dalle ore 18.00, con il suo libro “Rompiamo il silenzio. Violenza sessuale, vittima e reato” prevista nel centro storico di Tortora; Domenica 12 marzo sarà la volta della Giurista e Criminologa Maria Dall’Anno con il suo libro “E l’modo ancor m’offende. Voci di Donne Vittime di femminicidio” a Praia a Mare; domenica 19 marzo invece, insieme alla Dottoressa Silvia Anna Angelini, presenteremo il libro “Legate da un sottile filo rosso” a Scalea e concluderemo domenica 26 marzo con la testimonianza di Tiziana Di Ruscio, Presidente dell’Associazione “Il nastro rosa” con il libro “La Violenza non è il mio destino” a Diamante.

La violenza sulle donne è una violazione della persona e dei diritti umani, pertanto non va sopportata, tollerata e taciuta, ma denunciata e affrontata al fine di migliorare la società in cui viviamo.

L’associazione Artemisia Gentileschi, da anni si propone come luogo di comunicazione, solidarietà e iniziativa contro la violenza, in qualsiasi forma venga agita. L’Associazione non è nuova a queste iniziative. Attiva sul territorio dell’alto tirreno Cosentino si è mossa concretamente per aiutare le donne a far valere i loro diritti e per affrontare a tutto tondo il tema della violenza.

Artemisia Gentileschi, già parte della rete nazionale Reama di Fondazione Pangea e forte dei numerosi risultati già ottenuti in sede giudiziaria e dei riconoscimenti pervenuti, continua nella sua tangibile attività di prevenzione della violenza di genere e di assistenza alle vittime.

Dal mese di Aprile 2022 Artemisia è partner, insieme ad altre associazioni della Rete Nazionale del Progetto Reama Reloaded-Cofinanziato dalla Commissione Europea. Questa rassegna, infatti, rientra nelle iniziative di sensibilizzazione, promozione e contrasto alla violenza contro le donne in ogni sua forma.

 

Articolo PrecedenteAl via i lavori del progetto Polis nell’ufficio postale della Marina fuscaldese
Prossimo ArticoloCamion in fiamme nel tunnel, Statale 107 ancora chiusa (FOTO ESCLUSIVE)