Home Attualità Il calciatore Jakub Jankto: «Sono gay»

Il calciatore Jakub Jankto: «Sono gay»

Come tutti gli altri, voglio anche vivere la mia vita in libertà. Senza paure. Senza pregiudizio. Senza violenza. Ma con amore

236
0

Il calciatore Jakub Jankto ha deciso di fare coming out direttamente sui social per fare un annuncio: «Sono gay e non voglio più nascondermi». Jankto ha giocato in Italia tra Ascoli, Udinese e Sampdoria e, attualmente, è con lo Sparta Praga.

“Ciao, sono Jakub Jankto – dice nel video pubblicato su Instagram il calciatore ceco – come tutti gli altri, ho i miei punti di forza, i miei punti deboli, una famiglia, i miei amici, un lavoro che svolgo al meglio da anni, con serietà, professionalità e passione. Come tutti gli altri, voglio anche vivere la mia vita in libertà. Senza paure. Senza pregiudizio. Senza violenza. Ma con amore. Sono gay e non voglio più nascondermi”.

Nato a Praga il 19 gennaio del 1996, Jakub Jankto è cresciuto calcisticamente nel settore giovanile dello Slavia, vestendo le casacche delle nazionali giovanili del suo paese, per poi arrivare appena diciottenne in Italia, all’Udinese, con cui ha disputato il campionato Primavera.

Passa quindi in prestito all’Ascoli, in serie B, collezionando 35 presenze e 5 reti prima di fare ritorno in Friuli con la formazione bianconera, con la quale giocherà nelle due stagioni successive mettendo a segno 9 gol.

Arriva quindi la chiamata della Sampdoria, che lo preleverà accordandosi con l’Udinese sulla base di un prestito con obbligo di riscatto fissato a 15 milioni. Tre anni a Genova, con l’onore di indossare anche la fascia di capitano nel match contro l’Inter del 6 gennaio 2021. Due estati fa il passaggio al Getafe, club militante nella serie A spagnola, quindi il passaggio ad agosto 2022 allo Sparta Praga.

Nel suo curriculum figurano anche 45 gettoni con la nazionale maggiore della Repubblica Ceca.

 

Articolo PrecedenteIl Carnevale parte a San Valentino dal centro anziani
Prossimo ArticoloRaccolta differenziata, l’opposizione bacchetta l’assessore Vetere