Home Calabria ‘Ndrangheta, politica, imprenditoria: chieste condanne per tutti anche in Appello

‘Ndrangheta, politica, imprenditoria: chieste condanne per tutti anche in Appello

Per l’ex assessore regionale e leader dell’Udc, Francesco Talarico, accusato di voto di scambio politico-mafioso, sono stati chiesti 6 anni e 8 mesi di reclusione (cinque erano stati inflitti in primo grado)

126
0
L'ex assessore regionale Francesco Talarico

CATANZARO – Il pubblico ministero della Dda Paolo Sirleo, nell’ambito del processo di secondo grado (rito abbreviato) ha chiesto la conferma della sentenza di primo grado per 22 imputati di “Basso Profilo”: imprenditori, politici e vari professionisti coinvolti a suo tempo nel blitz.

Ha altresì chiesto pene più severe per due imputati nonché la condanna per un imputato assoluto.

L’inchiesta antimafia, com’è noto, è stata coordinata dal procuratore capo di Catanzaro Nicola Gratteri, e portò due anni a 50 misure cautelari nell’ambito di una indagine su ‘ndrangheta, politica e imprenditoria.

Per l’ex assessore regionale e leader dell’Udc, Francesco Talarico, accusato di voto di scambio politico-mafioso, sono stati chiesti 6 anni e 8 mesi di reclusione (cinque erano stati inflitti in primo grado).

La procura ha poi chiesto una rideterminazione di pena per Antonino Pirrello, titolare di una grossa ditta di pulizie calabresi: invocati 6 anni a fronte di una condanna 4 anni in primo grado.

Il pm ha dunque chiesto una condanna a quattro anni per il noto professionista Rocco Guglielmo, assolto in primo grado.

Sono chieste condanne per tutti anche in sede di appello: Luigi AlecceAnna Rita AntonelliGiuseppe Bonofiglio, Rosario Bonofiglio, Pier Paolo Caloiero, Eugenia Curcio, Concetta Di Noia, Giulio DocimoCarmine Falcone, Matteo Femia, Antonio GrilloneDomenico IaquintaFrancesco Luzzi, Santo MancusoGiuseppe MangoneTommaso Rosa, Victoria Rosa, Giuseppe TrugliaPino Volpe

 

Articolo PrecedenteE’ calabrese il mandante dell’omicidio di Walter Albi, architetto pescarese
Prossimo ArticoloConsiglio comunale diviso sullo Statuto: “Sconfitta politica”