Home Calabria Atti persecutori contro l’ex moglie, scatta il divieto di avvicinamento

Atti persecutori contro l’ex moglie, scatta il divieto di avvicinamento

La vittima ha riferito di essere stata oggetto per mesi di vessazioni e violenze da parte del suo ex, ricevendo insulti, minacce e continue molestie perché l'uomo non voleva rassegnarsi alla fine della loro relazione

117
0
Una volante della Polizia di Stato

CROTONE – A carico di un crotonese di 61 anni è stato spiccato un divieto di avvicinamento alla ex moglie, alla sua casa e ai luoghi frequentati dalla stessa.

L’uomo avrebbe infatti consumato atti persecutori a carico della donna.

Il provvedimento cautelare è stato emesso a seguito dei fatti denunciati dalla ex moglie del 61enne, che ha riferito di essere stata oggetto per mesi di vessazioni e violenze da parte del crotonese, ricevendo insulti, minacce e continue molestie perché il suo ex non voleva rassegnarsi alla fine della loro relazione.

In varie occasioni l’uomo avrebbe pedinato la vittima nei suoi spostamenti verso il luogo di lavoro e verso casa, arrivando anche a danneggiare la sua automobile, provocandole – secondo le accuse – così un forte stato di ansia e paura.

La Procura della Repubblica di Crotone, accogliendo le risultanze dell’attività investigativa della Squadra Mobile, ha quindi avanzato richiesta di idonea misura cautelare al giudice del Tribunale di Crotone che, di contro, ha emesso la misura del divieto di avvicinamento e di comunicazione con la persona offesa, immediatamente notificata all’uomo che risulta, quindi, indagato per atti persecutori e danneggiamento aggravato.

Articolo PrecedenteTraffico illecito di rifiuti, arresti e perquisizioni da Milano alla Calabria
Prossimo ArticoloMolotov contro casa di un assicuratore e di una volontaria