Home Attualità Il procuratore Bruni mette le mani sui beni di un affiliato di...

Il procuratore Bruni mette le mani sui beni di un affiliato di vertice del clan dei Casalesi

Immobili siti nel Comune di Casal di Principe e riconducibili a Giuseppe Setola. Si punta alla decisione definitiva del giudice sulla confisca

140
0
Pierpaolo Bruni

(ADNKRONOS) – I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Caserta, coordinati dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, hanno dato esecuzione al decreto di sequestro preventivo finalizzato alla confisca, emesso dalla Corte d’Assise di Santa Maria Capua Vetere, di due beni immobili siti nel Comune di Casal di Principe, riconducibili a Giuseppe Setola.

Allo stato e in attesa della decisione definitiva del giudice sulla confisca, all’esito del contraddittorio con le difese, si ritiene che il loro acquisto sia avvenuto, reimpiegando il denaro derivante dalle attività criminali condotte dal citato affiliato di vertice del clan dei Casalesi.

I particolari dell’operazione saranno resi noti nel corso della conferenza stampa che si terrà alle ore 10.00 presso la Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, alla presenza del Procuratore, Pierpaolo Bruni – magistrato calabrese già procuratore capo di Paola – e dell’aggiunto Antonio D’Amato.

Articolo PrecedenteIl prefetto di Cosenza sull’emergenza criminalità nella zona Ionica: «Aumenteremo la presenza delle forze dell’ordine»
Prossimo ArticoloCarceri, Sappe: «Bene accordo Italia-Albania per il trasferimento presso gli istituti di pena del paese di origine»