Home Calabria «Sui 4000 tirocinanti calabresi occorre fare fronte comune», lettera aperta alla deputazione...

«Sui 4000 tirocinanti calabresi occorre fare fronte comune», lettera aperta alla deputazione Calabrese

L'auspicio che tutti i deputati e senatori calabresi contribuiscano durante la discussione per la conversione in legge del Milleproroghe sostenendo l’emendamento depositato e già ammesso

25
0

CATANZARO – «Terremo alta l’attenzione sulla vertenza dei tirocinanti calabresi: 4mila persone che quotidianamente sostengono la macchina amministrativa nei Comuni, delle Asp, nelle Province, nelle scuole ed in tantissimi enti pubblici e privati erogando servizi essenziali per le nostre comunità».

E’ quanto dichiarano le organizzazioni sindacali Nidil-Cgil, Felsa Cisl, Uil Temp e Usb FdS a seguito della partecipata manifestazione del 13 dicembre davanti la Prefettura di Catanzaro e del presidio del 22 dicembre davanti al Consiglio Regionale.

Da quel giorno, infatti, sono scaturite diverse interlocuzioni istituzionali e nell’opinione pubblica, oltre all’importante incontro tenutosi il 28 dello stesso mese con il presidente delle giunta regionale Roberto Occhiuto.

«L’azione sindacale che abbiamo tenuto in questi mesi – spiegano i sindacati – è volta al sostegno, in Parlamento, di un emendamento al Decreto Milleproroghe che apra la strada alla contrattualizzazione a 18 ore per 18 mesi con relativa copertura finanziaria annua di 40 mln di euro di questi lavoratori così come è stato fatto in passato per i tirocinanti del medesimo bacino ma utilizzati nei ministeri della Giustizia, Cultura e Scuola.

Nel frattempo, Anci Calabria ha preso posizione accogliendo le istanze sindacali e scrivendo al ministero della Funzione Pubblica per ribadire l’indispensabile apporto che questi lavoratori offrono quotidianamente.

Dal canto suo, il prefetto Enrico Ricci, ricevute ed ascoltate le richieste delle rappresentanze sindacali, si è impegnato a trasferire al Governo la rappresentazione della vertenza dei tirocinanti calabresi con le conseguenze che porterebbe la mancanza di un loro assorbimento: il venir meno di 4000 unità di personale nella macchina amministrativa delle degli Enti e delle comunità calabresi oltre al crollo del reddito di 4000 famiglie, con non indifferenti problematiche sociali e, in ultima analisi, anche di ordine pubblico.

Tutti concordano sul fatto che non è possibile e non è degno di un paese civile prorogare ancora una volta la misura dei tirocini di inclusione sociale e che occorre fare un fronte comune, al di là delle appartenenze politiche, per rivendicare le aspettative di questi calabresi di vedersi riconosciuti nella loro dignità lavorativa e sociale.

Per questo motivo, richiamando il contenuto della nota già inviata alla Deputazione calabrese nel mese di dicembre, sollecitiamo e auspichiamo che tutti i deputati e senatori calabresi contribuiscano durante la discussione per la conversione in legge del DL Milleproroghe sostenendo con un’unica voce l’emendamento attualmente depositato e già ammesso, così come qualunque altra azione utile ad una positiva definizione dell’annosa vertenza.

Nidil-Cgil – Felsa Cisl – Uil Temp e USB FdS, auspicano che su un tema così importante che coinvolge la vita di 4000 famiglie calabresi, si sia «capaci di fare tutti un passo indietro per poi compierne dieci avanti tutti insieme».

Articolo PrecedenteIl segretario Pd: «Boom di tesserati, il nostro circolo si riconferma tra i primi della provincia»
Prossimo ArticoloDalla Calabria in Lituania per acquisire competenze: racconto delle volontarie di servizio civile (FOTO)