La vittima Davide Ferrerio
La  Cassazione aveva annullato l’ordinanza accogliendo il ricorso della Procura. L’avvocato della ragazza, Aldo Truncè, ha spiegato che la giovane «non ha voluto l’aggressione e non ha avuto la possibilità di prevedere l’esito drammatico dell’aggressione. In questi mesi ha intrapreso un percorso di maturazione e crescita personale che l’ha portata ad essere in grado di comprendere la gravità della situazione e di volersi impegnare per cambiare».
Articolo PrecedenteElisoccorso, Straface: «Approvato il disegno di legge sulle prestazioni aggiunte»
Prossimo ArticoloL’Arma dei Carabinieri incontra gli studenti del Liceo Scientifico “Patrizi” di Cariati