Home Cronache Usura e tentata estorsione aggravati dal metodo mafioso, due arresti a Isola...

Usura e tentata estorsione aggravati dal metodo mafioso, due arresti a Isola Capo Rizzuto

I due indagati avrebbero concesso crediti di denaro a tassi usurari anche ad imprenditori del territorio in difficoltà economica

21
0
Un posto di blocco dei finanzieri

CROTONE – Nella giornata odierna, 1.2.2024, personale della Guardia di Finanza Nucleo Polizia Economico-Finanziaria di Crotone ha dato esecuzione all’ordinanza applicativa di misura cautelare, personale e reale, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Catanzaro, su richiesta della Procura della Repubblica di Catanzaro – Direzione Distrettuale Antimafia, a carico di due soggetti di Isola Capo Rizzuto (KR), per la ritenuta sussistenza dei gravi indizi in ordine ai reati di usura e tentata estorsione aggravati dal metodo e dalla finalità mafiosi

Per gli indagati è stata adottata la misura della custodia cautelare in carcere e, contestualmente è stato emesso il sequestro preventivo del profitto derivante dai reati, per gli importi, rispettivamente, di oltre 150.000,00 euro e di 27.000,00 euro per ciascuno degli indagati.

L’attività investigativa, delegata alla Guardia di Finanza Nucleo Polizia Economico-Finanziaria di Crotone, ha consentito di delineare l’ipotesi accusatoria, secondo la quale i due indagati avrebbero concesso crediti di denaro a tassi usurari anche ad imprenditori del territorio in difficoltà economica, e in un caso avrebbero posto in essere una intimidazione per la riscossione del credito usurario.

Articolo PrecedenteIntimidazione, vertice tra il Coordinamento delle Forze dell’ordine e il sindaco
Prossimo ArticoloA Palazzo Alvaro di Reggio Calabria un confronto sulle opere compensative della Gallico Gambarie