Home Calabria Strade danneggiate da scavi per la fibra, proposta commissione d’indagine

Strade danneggiate da scavi per la fibra, proposta commissione d’indagine

Il consigliere comunale Eugenio Riccio vuole vederci chiaro

126
0

CATANZARO – Consigliere comunale propone una commissione di indagini per fare luce sui danneggiamenti di strade pubbliche ad opera di ditte nell’ambito di scavi per la fibra.

Il consigliere comunale Eugenio Riccio vuole vederci chiaro.

Non è la prima volta che si segnalano le condizioni disastrate di alcune strade della città che, a seguito dei lavori di scavo per la posa della fibra, non vengono ripristinate come regola d’arte richiede. Basta farsi un giro nei quartieri per vedere di persona la situazione. La domanda sorge, quindi, spontanea: chi controlla le ditte che eseguono questi lavori? Un altro episodio eclatante ha riguardato le arterie di via Bellini e Paolo Serrao, interessate tra agosto e settembre scorsi, di interventi per la possa di sottoservizi, con il manto stradale ad oggi ancora danneggiato a distanza di mesi. Inutile ribadire i rischi che passano quotidianamente pedoni e conducenti, vista l’alta densità abitativa delle zone coinvolte e il pericolo di incidenti che poi si riverbera, in termini di conseguenze economiche, anche sulle esauste casse comunali”.

“Le procedure, in questi casi, richiedono un tempestivo controllo da parte degli uffici comunali sulle imprese responsabili, considerato anche l’obbligo di stipula di apposite polizze fideiussorie. Ma il nostro ruolo di consiglieri comunali  ci chiede, soprattutto, di essere propositivi con iniziative concrete. Per questo, chiedo ai presidenti della prima e seconda commissione, in materia di urbanistica e lavori pubblici, di attivare, ai sensi del regolamento del Consiglio comunale, una specifica commissione di indagine volta ad analizzare questo specifico tema e proporre all’amministrazione e al sindaco tutte le eventuali soluzioni utili a superare le criticità e garantire decoro e sicurezza per le nostre strade”.

Articolo PrecedenteAbitazione distrutta dal rogo: nuova casa per la famiglia Corasaniti
Prossimo ArticoloOpposizione consiliare risicata: l’egemonia di Riccio. Maggioranza a valanga