Home Calabria Il sindaco Franz Caruso: «La riapertura dell’Oncoematologia una priorità»

Il sindaco Franz Caruso: «La riapertura dell’Oncoematologia una priorità»

«La chiusura, nel 2020, dell’Oncoematologia pediatrica ha rappresentato un ulteriore colpo sferrato alla tutela ed alla salvaguardia della salute pubblica».

142
0

COSENZA – Il sindaco Franz Caruso fa eco alle dichiarazioni rilasciate dal direttore dell’organizzazione di volontariato, in occasione della giornata mondiale contro il cancro infantile.

In particolare, il primo cittadino ha riferito: «Accolgo e faccio mio l’appello dell’associazione Gianmarco De Maria a riaprire a Cosenza il Centro di Oncoematologia pediatrica, convinto che ogni bambino con il cancro meriti la migliore assistenza medica, possibilmente vicino alla propria casa ed ai propri affetti».

Caruso ha poi evidenziato come «da oltre vent’anni l’associazione Gianmarco De Maria opera nella nostra città, dove ha creato una rete di solidarietà e vicinanza a supporto dei minori con il cancro ed alle loro famiglie, portando avanti un’attività di straordinario valore di cui sono riconoscente ai fondatori ed ai volontari che vi operano quotidianamente, nella mia veste di Sindaco, ma soprattutto da padre e, oggi, anche da nonno. Constato e denuncio da tempo ciò che, purtroppo, è sotto gli occhi di tutti: il sistema sanitario calabrese è un colabrodo e non fa eccezione Cosenza. In questa situazione di grande criticità, accresciuta enormemente a seguito dell’emergenza pandemica, anche l’offerta sanitaria ai minori è stata ulteriormente depotenziata, sorreggendosi quasi esclusivamente sulla passione e sull’alta professionalità di medici e personale sanitario tutto».

E, ancora: «La chiusura, nel 2020, dell’Oncoematologia pediatrica, che rappresentava un esempio virtuoso nell’affrontare patologie tumorali anche complesse e che, con l’aiuto dell’associazione Gianmarco De Maria costituiva un punto di riferimento per i piccoli pazienti e per le loro famiglie, ha rappresentato un ulteriore colpo sferrato alla tutela ed alla salvaguardia della salute pubblica».

In un panorama assolutamente drammatico, «osservo con estrema attenzione la rimodulazione dell’offerta sanitaria ospedaliera che sta portando avanti il commissario Vitaliano De Salazar, a soli due mesi dalla sua nomina, intravedendo qualche barlume di luce e speranza. Una luce ed una speranza che sono certo sarà estesa anche all’assistenza sanitaria per minori. Convinto di ciò nei prossimi giorni, insieme all’assessore alla salute Maria Teresa De Marco, mi farò personalmente latore della richiesta di riapertura in tempi brevi dell’Oncoematologia pediatrica presso lo stesso commissario De Salazar».

 

 

 

Articolo PrecedenteScuole di Cetraro ancora senza mensa, minoranza all’attacco
Prossimo ArticoloAmalia Bruni: “In Calabria 79 dirigenti scolastici in meno”